Box office: Il live-action di Mulan della Disney sconfigge le critiche e incassa più di Tenet Secondo uno studio rilanciato da Yahoo! Finance il nuovo film Disney avrebbe già incassato, nel solo mercato americano, più di quanto fatto da Tenet nel mondo.

371 0

Secondo le prime stime Mulan ha incassato su Disney+ più di quanto fatto da Tenet al cinema. L’ultima fatica dei remake live-action dei classici Disney, tratta dal classico animato del 1998 a sua volta basato su una popolare leggenda Cinese, avrebbe letteralmente incassato cifre da capogiro nel solo mercato americano, nonostante la pioggia di critiche ricevute sia prima che durante la distribuzione su Disney+. In particolare, il film era già stato oggetto di contestazioni da parte dei fan per la controversa scelta di non inserire alcuni personaggi, su tutti l’amato Mushu, in modo da realizzare un’interpretazione più realistica della fiaba. Ma non solo, dopo i rinvii a luglio e agosto dovuti alla pandemia COVID-19, si erano infatti levate pesanti critiche per la modalità di distribuzione scelta, ovvero l’inserimento in catalogo a partire da dicembre sulla piattaforma streaming Disney+, con la possibilità di effettuare un accesso anticipato vip al prezzo di 21,99€ (29,99$ in America), prezzo universalmente considerato troppo alto dai consumatori.

Insomma, non sembrava esserci pace per il remake in live-action di Mulan, ma ecco che a correre in aiuto del film e a dare ragione a Disney sono intervenuti i primi report non ufficiali relativi agli incassi. Già, perché secondo uno studio di 7Park Data, rilanciato da Yahoo! Finance, nei soli Stati Uniti circa il 29% degli abbonati avrebbe acquistato il film, e considerando che negli USA si contano circa 30 milioni di abbonati, il risultato è che gli incassi di Mulan avrebbero già superato l’incredibile cifra di 260 milioni di dollari. Cifra che ottiene un enorme valore soprattutto se ci si ferma a confrontarla con gli incassi di Tenet, il colossal della stagione considerato il film che dovrebbe “salvare il cinema”, che nel mondo ha raggiunto la cifra di 207 milioni di dollari e per cui la Warner Bros ha scelto una distribuzione classica. Vedendo quindi i risultati raggiunti, e considerando che la distribuzione di Mulan tramite Disney+ permette di tagliare i costi degli intermediari in quanto servizio di proprietà dell’azienda produttiva stessa, non possiamo non considerare che la scelta in controtendenza presa dalla Disney si sia rivelata azzeccata, al di là della critiche subite da cui Mulan è uscito vincitore.