WWE NXT, intervista esclusiva a Pete Dunne: “Batterò Finn Bálor, ve lo garantisco” Abbiamo scambiato quattro chiacchiere con il "Bruserweight", in vista di TakeOver Vengeance. Ecco cosa ci ha raccontato.

618 0

Classe 1993 e britannico doc, Pete Dunne è approdato giovanissimo in WWE dopo una lunga carriera nelle federazioni indipendenti. Partecipa al primo United Kingdom Championship Tournament nel 2017 e poi diventa una superstar fissa di NXT, vincendo lo UK Championship e l’NXT Tag Team Championship assieme a Matt Riddle.

Questa sera affronterà per la prima volta in assoluto Finn Bálor e avrà la chance di diventare il prossimo NXT Champion. Noi di ProjectNerd abbiamo avuto la possibilità di intervistarlo in esclusiva per l’Italia. Ecco cosa ci ha raccontato all’alba di TakeOver Vengeance, in programma sul WWE Network:

ProjectNerd: Oggi affronterai per la prima volta in carriera Finn Balor,  una superstar che non ha bisogno di presentazioni. Che strategia adotterai per cercare di portare a casa l’NXT Championship?

Pete Dunne: Non ho una strategia particolare in mente, ma confido nelle mie abilità. Sono tornato a NXT con una nuova attitudine e con una forma fisica migliore rispetto al passato. Chi mi conosce, sa benissimo cosa aspettarsi da me.

Sono contento dell’opportunità di affrontare Finn Bálor, si tratta di un match che volevamo fare da 15 anni. Abbiamo avuto dei percorsi paralleli, ho seguito con attenzione la sua carriera e penso che lui abbia fatto lo stesso. Non ci siamo mai affrontati e avremo la possibilità di farlo sul palcoscenico più importante per noi due, NXT”.

ProjectNerd: Prima di arrivare in WWE, ti sei esibito in diverse federazioni indipendenti britanniche, tra cui PROGRESS e ICW, che hanno poi trovato spazio sul Network. Hai avuto problemi nell’adattarti allo stile americano della WWE? Quali sono state, a tuo modo di vedere, le principali differenze?

Pete Dunne: Non ho mai avuto alcuna difficoltà. Quando ho trascorso gli ultimi anni nelle indipendenti ero già con un piede nella porta della WWE. Avevo partecipato agli Axxess durante il weekend di WrestleMania, a NXT, facevo i tour con il roster di Raw e SmackDown. Come ti dicevo prima, la gente conosce il mio stile e sono contento di non averlo cambiato. Continuo a essere me stesso, senza limiti, in WWE così come lo ero in PROGRESS o in ICW”.

Determinato e aggressivo, Pete Dunne è un vero proprio mastino sul ring, oltre a essere un maestro delle sottomissioni.  Credits: WWE

ProjectNerd: Sei approdato in WWE giovanissimo, a soli 22 anni. Ti senti più maturo come superstar, rispetto al 2016, e quale ritieni sia stato il tuo momento più importante sino ad oggi?

Pete Dunne: Tendo sempre a migliorare e imparare il più possibile cose nuove. Ho capito che ero arrivato in WWE per una ragione e volevo che tutti conoscessero il mio valore. Ho imparato a stare dinnanzi alla telecamera, a migliorare i miei promo e robe del genere. Ho cercato di apprendere molto dai veterani nel backstage.

Tutto quello che ho fatto fino ad ora avrà un culmine questa sera, quando avrò l’opportunità di diventare il prossimo NXT Champion e fare il passo successivo nella mia carriera.

ProjectNerd: Diverse superstar in passato come Adam Cole e Johnny Gargano hanno dichiarato di non avere alcuna intenzione di passare nel main roster e ritengono NXT come la propria casa. Tu come la pensi?

Pete Dunne: Non vedo l’approdare a Raw o SmackDown come una cosa necessaria per il mio futuro. Al momento sono contento di essere a NXT e dei match a cui ho preso parte. Credo che sia lo show perfetto per il mio stile e tutto il roster ha fatto passi da gigante per migliorare l’esposizione mediatica di questo brand.

Ti mentirei, però, se dicessi che non mi piacerebbe affrontare alcune superstar del main roster: penso a Daniel Bryan, ad AJ Styles o a Edge, che è appena tornato e ha vinto la Rumble. Non importa se possa accadere a NXT, a Raw, a SmackDown o altrove. Per ora sono concentrato e determinato per continuare a essere il migliore all’interno dello show giallo”.

Pete Dunne ha vinto anche l’NXT Tag Team Championship assieme a Matt Riddle a TakeOver Portland. Credits: WWE  

ProjectNerd: Se un giorno avessi l’opportunità di esibirti a WrestleMania, chi ti piacerebbe affrontare?

Pete Dunne: Di getto, ti direi Tyler Bate. Abbiamo una grande storia alle spalle e siamo stati protagonisti di match stellari. Affrontarlo al PPV più importante dell’anno sarebbe grandioso. Rappresenterebbe, inoltre, per quello che abbiamo passato entrambi, la vera chiusura di un cerchio. Poi, come ti dicevo, prima ci sono Styles, Bryan, Edge, ma anche Randy Orton. Grandi nomi che un domani piacerebbe affrontare, soprattutto a WrestleMania.

ProjectNerd: Tornando a parlare di Edge. Se dovessi vincere il titolo, questa domenica, e la Rated R Superstar dovesse scegliere di affrontare te, ti sentiresti pronto? Immagino come Edge sia stato uno dei top name che idolatravi da giovane.

Pete Dunne: A essere onesto, penso che ormai sia futile chiedere se io o qualsiasi altra star di NXT sia pronta per affrontare un top name come Edge. Abbiamo dimostrato di essere alla stessa stregua del main roster e mi piacerebbe affrontare Edge per far capire al mondo intero come abbia tutte le carte in regola per essere sullo stesso ring assieme a lui.

ProjectNerd: Che consiglio daresti a una giovane stella che si avvicina per la prima volta al mondo dello sport entertainment e vorrebbe seguire il tuo stesso percorso? 

Pete Dunne: Per me è difficile dare un consiglio univoco perchè si tratta di un mondo completamente differente rispetto a quando mossi i miei primi passi. Al giorno d’oggi si cono molte più scuole di wrestling e opportunità per sfondare.

Ai giovani lottatori che provengono dall’Europa consiglio di farsi le ossa in federazioni come PROGRESS, ICW e poi di farsi notare per arrivare a NXT UK. Da lì, tutto è in salita. Quando invece io iniziai a fare wrestling, non esistevano queste Compagnie. Anche la WXW in Germania è un ottimo trampolino. Adesso collaborano tutte con la WWE, dunque per i ragazzi è ancora più facile cercare di fare il salto di carriera. Basta essere al posto giusto nel momento giusto, e lavorare sodo”.

ProjectNerd: Grazie infinite per il tempo che ci hai dedicato. Buona fortuna per il match contro Finn, questa sera!

PeteDunne: Grazie a voi. Sarò il prossimo campione, ve lo garantisco.

Pete Dunne si è fatto conoscere per il soprannome “The Bruiserweight”, riferito al suo stile di combattimento e alla stazza fisica. Credits: WWE