La star di “Mortal Kombat” accusa “Il Signore degli Anelli” di Amazon per la mancanza di attori asiatici Ludi Lin afferma che l'imminente serie fantasy a mega budget di Amazon Studios non sia abbastanza diversificata

274 0

La star di Mortal Kombat ha accusato la prossima serie TV di Amazon Il Signore degli Anelli di non garantire abbastanza diversità nella Terra di Mezzo.

L’attore cinese-canadese Ludi Lin, che interpreta Liu Kang nel nuovo film della Warner Bros., ha twittato giovedì riguardo al capo di Amazon Studios Jennifer Salke riguardo alla prossima serie fantasy: “Sarà difficile giustificare la costruzione di un ‘enorme mondo’ senza personaggi asiatici. Rifletti quell’immagine di mondo su di noi. Non è difficile, siamo proprio qui. ”

Lin stava commentando l’Executive Roundtable di The Hollywood Reporter, la cui copertina è stata pubblicata mercoledì. A Salke è stato chiesto dall’editore esecutivo Lacey Rose in merito al gigantesco budget del Signore degli Anelli, che THR aveva precedentemente fatto corrispondere a 465 milioni di dollari per la sola prima stagione.

“Il mercato è pazzo, come hai visto con l’affare Knives Out”, ha risposto Salke. “[Netflix ha pagato 469 milioni di dollari per due sequel.] Questa è una stagione completa di un enorme show sulla costruzione di un mondo. Il numero è un titolo sexy o un titolo folle su cui è divertente fare clic, ma sta davvero costruendo l’infrastruttura di ciò che sosterrà l’intera serie. … Per quanto riguarda quante persone hanno bisogno di guardare Il Signore degli Anelli? Un sacco. (Ride.) Un pubblico gigante e globale deve presentarsi ad un appuntamento televisivo e siamo abbastanza fiduciosi che ciò accadrà “. Salke e Amazon non hanno risposto al commento di Lin.

La serie di Amazon ha annunciato 35 membri del cast di diverse origini etniche. Lin sembra avere ragione nel dire che nessuno è asiatico, anche se non è chiaro quanti degli attori ingaggiati vi si identifichino. La maggior parte sembra essere bianca (come Joseph Mawle, Owain Arthur, Trystan Gravelle, Morfydd Clark, Markella Kavenagh, Simon Merrells, Peter Mullan, Fabian McCallum, Tom Budge, Maxim Baldry, Daniel Weyman, Charlie Vickers, Leon Wadham, Benjamin Walker ). Ci sono anche molti attori di colore (come Cynthia Addai-Robinson, Sophia Nomvete, Sir Lenny Henry, Maxine Cunliffe, Ismael Cruz Cordova, Nazanin Boniadi e Sara Zwangobani).

Inoltre, LOTR sta girando in Nuova Zelanda e alcuni dei suoi non annunciati membri de; cast di supporto sono Māori.

Ovviamente, il cast è significativamente più diversificato rispetto ai film de Il Signore degli Anelli di Peter Jackson, il quale detiene il livello più basso possibile di diversificazione. La trilogia aveva, infatti, un cast di base interamente bianco.

I registi del progetto Amazon includono Charlotte Brändström (la prima donna a dirigere nell’universo di J.R.R. Tolkien), J.A. Bayona e Wayne Che Yip.

Nel complesso, Amazon Studios è considerato uno studio che ha abbracciato la diversità, dalla firma di dozzine di accordi generali con i creatori di contenuti Black, all’ordinazione di progetti come Coming 2 America, One Night in Miami, Small Axe e The Underground Railroad.

Il Signore degli Anelli è un prequel dei film di Jackson.

Ecco la descrizione ufficiale: Il Signore degli Anelli “porta sugli schermi per la prima volta in assoluto le leggende eroiche della leggendaria Seconda Era della storia della Terra di Mezzo. Questo dramma epico è ambientato migliaia di anni prima degli eventi di J.R.R. Lo Hobbit e Il Signore degli Anelli di Tolkien riporteranno gli spettatori a un’epoca in cui i grandi poteri furono forgiati, i regni salirono alla gloria e caddero in rovina, gli eroi improbabili furono messi alla prova, la speranza appesa al più sottile dei fili e il più grande il cattivo mai uscito dalla penna di Tolkien ha minacciato di coprire tutto il mondo nell’oscurità. Iniziando in un periodo di relativa pace, la serie segue un cast di personaggi, sia familiari che nuovi, mentre affrontano il temuto riemergere del male nella Terra di Mezzo. Dalle profondità più oscure delle Montagne Nebbiose, alle maestose foreste della capitale degli elfi di Lindon, al regno dell’isola mozzafiato di Númenor, ai confini più remoti della mappa, questi regni e personaggi si ritagliano eredità che sopravvivono molto tempo dopo se ne sono andati.”

Il Signore degli Anelli sarà probabilmente presentato in anteprima nel 2022.