Doctor Strange nel Multiverso della Follia: la nostra recensione in anteprima

2 0

Doctor Strage nel Multiverso della Follia porta ai massimi livelli l’anima del MCU. Doctor Strange 2, é il sequel del film Doctor Strange del 2016. Si tratta, quindi, del ventottesimo lungometraggio del Marvel Cinematic Universe. In questo secondo capitolo, Doctor Strange fa un viaggio nell’ignoto. Si trova ad affrontare pericolose e sconvolgenti realtà nel Multiverso. Ma non sarà solo, con lui ci saranno nuovi e vecchi alleati. Tutti con l’unico obiettivo di combattere un nuovo misterioso nemico. Doctor Strange nel Multiverso della Follia, quindivanta di una intelligente, impressionante e sorprendente messa in scena di Sam Raimi. Un regista che ha già dato dimostrazione di quanto sia significativo dirigere una pellicola di supereroi. Molte sequenze di Raimi, infatti, sono riconoscibili per il suo aspetto horror e cupo. E come ogni film MCU che si rispetti, in Doctor Strage 2 l’aspetto degli effetti visivi é stato trattato con i guanti di velluto. Perché viene confermato ciò a cui si è abituati a vedere in un lungometraggio Marvel. Non solo, viene di gran lunga superato.

Doctor Strange nel Multiverso della Follia conferma e supera ciò che ha creato il MCU

Tutto è davvero un bellissimo e forte spettacolo per gli occhi. Gli attori stessi sembrano plasmati con ciò che la CGI ha realizzato. La stessa performance del cast supera molto positivamente ogni aspettativa. Ovviamente, Benedict Cumberbach conferma il sentirsi a proprio agio nelle vesti del Maestro delle Arti Mistiche. Ma è Elizabeth Olsen a sbalordire per la sua interpretazione carica di potenza, passione e bellezza. La sua Scarlet Witch ha un fine ben preciso e rafforza i propri poteri per cercare di raggiungerlo. Persino i suoi desideri oscuri si fanno sempre più forti. Doctor Strange nel Multiverso della Follia, quindi, funziona benissimo, in tutte le proprie parti. Sono le “sorprese”, poi, ad arricchirlo di riflessioni. Portando questa sperimentale Fase Quattro a un livello in cui ci si deve aspettare di tutto dal Marvel Cinematic Universe.

Renata Candioto

Diplomata in sceneggiatura alla Roma Film Academy (ex Nuct) di Cinecittà a Roma, amo il cinema e il teatro. Mi piace definirmi scrittrice, forse perché adoro la letteratura e scrivo da quando sono ragazzina. Sono curiosa del mondo che mi circonda e mi lascio guidare dalle mie emozioni. La mia filosofia è "La vita è uguale a una scatola di cioccolatini, non sai mai quello che ti capita".

Lascia un commento