Guillermo del Toro’s Cabinet of Curiosities: La recensione

38 0

Oggi qui su ProjectNerd.it parliamo di una delle ultime interessanti novità di Netflix:  Guillermo del Toro’s Cabinet of Curiosities. 
Una serie che, come suggerisce il titolo, porta la firma del noto regista, qui in veste di “guida” all’interno delle varie storie horror che compongono questo prodotto di stampo antologico, dove ogni puntata viene presentato allo spettatore un lungometraggio diverso per origine, regista e stile .

Un viaggio così sfaccettato che – se amate il genere horror – riuscirà sicuramente a catturarvi in almeno uno di questi episodi\film che di fatto spaziano dall’orrore più classico a quello più vicino alle atmosfere lovecraftiane, passando dalle vibes sci-fi e body

horror, mescolando opere inedite a episodi tratti da racconti negli 8 episodi che compongono questa prima stagione.

All’interno degli episodi troviamo volti e nomi noti, tra registi come Vincenzo Natali, Ana Lily Amirpour, Panos Cosmatos e Jennifer Kent, ma anche attori come  Dan Stevens, Crispin Glover, Andrew Lincoln o Rupert Grint,una line-up che sicuramente ha aiutato a garantire un buonissimo livello sia davanti che dietro alla macchina da presa, costituendo il vero e proprio cuore oscuro e pulsante di queste storie. Sicuramente apprezzato – almeno da noi – il fatto che gli episodi decidano spesso di evitare la trappola dei jump scare faciloni, preferendo un orrore fatto più per atmosfere e approcci “lenti”, giocando spesso con tensione e inquietudine crescenti all’interno degli episodi.

 

Ovviamente non si tratta di una serie perfetta, ma al netto di qualche piccolo inciampo i difetti principali di questo show sono di fatto quelli tipici del genere antologico, alcuni episodi per esempio avrebbero avuto bisogno di maggiore spazio per crescere e raggiungere l’apice del proprio potenziale, altri magari non ci hanno convinto al 100%, insomma tutto il repertorio di piccoli scricchiolii di questi progetti, ma nell’insieme possiamo certamente dire che Guillermo del Toro’s Cabinet of Curiosities è una serie riuscita e convincente.

Senza dubbio Guillermo Del Toro ha curato con attenzione la sua creatura, ritagliandosi il ruolo di oscuro Virgilio nell’introduzione di ogni singolo episodio, attualmente non ci sono conferme ufficiali, ma almeno per noi di ProjectNerd non sarebbe assolutamente sgradita una possibile conferma di questo show per una seconda infornata di episodi, magari proprio tra un anno, per halloween 2023

Marcello Portolan

Uno strano mix genetico sperimentale allevato a fumetti & fantascienza classica, plasmato dal mondo dell'informatica e della tecnologia, ma con la passione per la scrittura. Un ghiottone che adora esplorare il mondo in cerca di Serie TV e pellicole da guardare noncurante dei pericoli del Trash e dello splatter. un vero e proprio globetrotter del mondo NERD

There are 1 comments

  1. Pingback: Guillermo del Toro’s Cabinet of Curiosities: La recensione - PJNetwork

Comments are closed.