L’incontestabile popolarità dell’Uomo Ragno

897 0

Con l’estate prossima arriverà anche l’ultimo reboot nella vita dell’Uomo Ragno , dal momento che l’iconico personaggio riapparso in Captain America: Civil War si è guadagnato un proprio film: Spider-Man Homecoming. Sebbene all’uscita del film manchi ancora più di un anno, la maggior parte degli appassionati di fumetti molto probabilmente sarebbero disposti ad attendere anche un altro decennio (o di più) per un altro film de L’Uomo Ragno.
Non che agli appassionati non piaccia il personaggio, ma questo sarà il terzo grande reboot in meno di 20 anni.

La serie interpretata da Tobey Maguire ha riportato in auge l’Uomo Ragno con tre film di successo: i primi due sono considerati i due migliori film mai tratti da un fumetto. Pochi anni dopo, L’Uomo Ragno ebbe il suo reboot con Andrew Garfield nel panni del protagonista. Si trattò di un’operazione che non aveva tanto a che fare con l’esigenza di un nuovo film, quanto, piuttosto, con
un curioso accordo contrattuale tra Marvel e Sony che prevedeva che Sony perdesse i diritti sul personaggio, a meno che il film non venisse prodotto entro una certa data.

Giungiamo ora al terzo reboot, dopo l’apparizione dell’Uomo Ragno nell’ultimo film di Captain America con l’adolescente Tom Holland nel ruolo del protagonista.

L’Uomo Ragno continua ad avere successo perché è probabilmente l’eroe dei fumetti più popolare di tutti i tempi. E se non è il più popolare in assoluto, è comunque sicuramente uno dei più famosi insieme a personaggi del calibro di Superman e Batman.

Ultimamente, anche i supereroi che non possono contare su un nome particolarmente famoso stanno riscuotendo grandissimo consenso. Il film di Deadpool si è rivelato un successo strepitoso, così come Guardiani della Galassia. Anche Suicide Squad, in cui appaiono un certo numero di “supercattivi” poco conosciuti, ha ottenuto uno straordinario successo al botteghino, nonostante le brutte recensioni.

C’è da credere che L’Uomo Ragno, un personaggio conosciuto da chiunque non abbia vissuto in una caverna fino a ieri, possa spazzarli via tutti.
Basta una rapida occhiata su Internet per rendersi conto della popolarità istantanea dell’Uomo Ragno. I casinò online più famosi, dal canto loro, costituiscono un’eccellente spia dell’interesse generale. Il loro obiettivo è quello di creare giochi che possano piacere al più vasto pubblico possibile. Ecco perché vi si ritrovano giochi ispirati all’Uomo Ragno, fianco a fianco con altre icone della cultura pop come Rocky, i Monty Python, e la Pantera Rosa.

Il fatto è che la gente semplicemente non si stanca mai dell’Uomo Ragno. La prova è rappresentata da The Amazing Spider-Man 2 – Il Potere di Electro, il secondo e più recente dei film interpretati da Garfield. Si tratta di una pellicola che non ricevette critiche particolarmente lusinghiere (Rotten Tomatoes gli appioppò un 54%) e che, apparentemente, non era neppure molto atteso da parte dei fan che, nei 10 anni precedenti, si erano già visti quattro film dell’Uomo Ragno.

E cosa accadde? Al botteghino, il film fece registrare la stupefacente cifra di 709 milioni di dollari, pari ad oltre il triplo del proprio budget. Un incasso che, peraltro, risultava di poco inferiore a quello dell’originale Amazing Spider-Man, che fruttò 757,9 milioni di dollari.

Con l’Uomo Ragno ora nelle mani della Marvel Cinematic Universe, Spider-Man: Homecoming, atteso per il prossimo anno, si prospetta come uno dei film più importanti – se non il più importante – della stagione estiva. L’Uomo Ragno rimane popolarissimo indipendentemente dal numero di film in cui appare o da quanto la sua immagine possa sembrare inflazionata nell’ambito della cultura popolare: i suoi fan non ne hanno mai abbastanza.

Sembra proprio che nessuno possa uccidere l’Uomo Ragno.

The_Leunam

The_Leunam

Infermiere di giorno (e di notte, e nelle feste, e nei weekend) e giustiziere blogger di notte. Si diletta nella scrittura di libri e fumetti con spruzzate di sceneggiatura.