Milan Gamesweek 2017: Intervista a Troglobyte Games [HyperParasite]

1206 0

Troglobyte Games è un nome che spira simpatia da tutti i pori. Potrà pure sembrare uno di quei strani nomi di quelle software house che creano titoli demenziali, ma state pur certi che HyperParasite, il loro attuale videogioco di punta, banale e demenziale proprio non lo è. E’ vero: forse l’incipit della trama è un po’ strano e paradossale, ma alla fine non conta quando nel gioco puoi tirar fuori la viuuulenza che è in te.

HyperParasite è un videogioco in 3D con visuale dall’alto che permette a tutti i folli giocatori che vi si cimentano di sperimentare la vita di un parassita che infesta corpi di poveri umani indifesi. L’obiettivo del parassita è, a quanto pare, sterminare l’intera popolazione umana e per farlo si serve di tutti i corpi che trova sul suo cammino. Tale dettaglio non è affatto banale poiché, pad alla mano, in HyperParasite una volta sconfitti ci si reincarna subito in un nuovo corpo fintanto ve ne sono disponibili. Perché se state pensando qualcosa simile a Worms vi sbagliate di grosso. Il parassita di Hyper Parasite si infiltra nei corpi di mascalzoni nerboruti armati fino ai denti che, con diverse abilità divise tra oltre 50 corpi (personaggi) diversi, permette un gameplay frenetico, violento e dannatamente divertente.

Nel corso della prova effettuata alla Milan Gamesweek 2017 Hyper Parasite ci è apparso stabile e ben giocabile. Fatta eccezione per qualche bug dovuto al codice non ancora definitivo, mi son divertito come un matto a menare centinaia di avversari per farmi strada in livelli completamente procedurali con l’obiettivo di completare più scenari possibili. La mia corsa è purtroppo terminata con una bossfight andata male, anche perché una volta incontrato il bestione mi sono reso conto di aver terminato tutti i corpi “presi in affitto” che possedessero armi da fuoco a lungo raggio (cosa che mi ha portato al fallimento). Poco male: ho potuto subito ricominciare ritentando una nuova volta e fallendo miseramente: il gioco è bello vispo per quanto riguarda la difficoltà.

Incuriositi da Hyper Parasite abbiamo incontrato e intervistato uno degli esponenti di Troglobye Games di nome Saverio. Egli ai nostri microfoni ci ha descritto nei minimi dettagli il loro attuale progetto di punta, senza dimenticare di citare anche Tenebrae, metroidvania in 2.5D ancora in fase di sviluppo che promette davvero faville. Oltre a Saverio, Luca Eberhart ci ha spiegato i segreti della direzione artistica di Hyper Parasite con interessanti informazioni riguardo al raffinato gusto grafico del gioco.

Di seguito potrete trovare la videointervista svolta durante la scorsa Milan Gamesweek 2017, mentre poco sotto il trailer di Hyper Parasite e Tenebrae: Twilight of Gods.

Marco Masotina

Tosto come un Krogan, gli piace essere graffiante e provocante per scoprire cosa il lettore pensa dei suoi strani pensieri da filosofo videoludico. Adora i lupi, gli eventi atmosferici estremi, il romanticismo e Napoleone.