Coco – La recensione La recensione di Coco: il nuovo film Disney Pixar, che arriverà nelle sale il prossimo 28 Dicembre

8473 0

Trama

Coco racconta la vicenda di Miguel, un ragazzino con un grande sogno: diventare il più grande musicista della storia del Messico. Il suo idolo è Ernesto de la Cruz, il mariachi che più di tutti è entrato nell’immaginario collettivo e che è scomparso prematuramente.

Purtroppo, ad ostacolare l’ambizione di Miguel c’è la sua famiglia, che in seguito a una antica vicenda familiare ha bandito la musica dalla propria casa.

La vicenda arriverà a una svolta Día de Muertos, quando Miguel si ritroverà nella terra dei morti, dove conoscerà i suoi antenati, il suo idolo de la Cruz e Hector, uno spirito derelitto che lo aiuterà.

Miguel ha un sogno: diventare un musicista come il suo idolo Ernesto de la Cruz
Miguel ha un sogno: diventare un musicista come il suo idolo Ernesto de la Cruz

 

Disney Pixar

Quando si parla dei prodotti dello studio di produzione Pixar si parla di alcuni dei migliori film di animazione presenti oggi sul mercato. La qualità che questo laboratorio riesce a generare è incredibile.

Coco, in questo senso, non fa eccezione. L’animazione è magistrale e, in particolare, trova il suo apice nella rappresentazione del mondo dei morti. La città dei defunti appare infinita nella profondità di campo. Gli scorsi di essa che vediamo dietro all’azione suggeriscono davvero l’idea di movimento, di vitalità. Sembra quasi volerci dire che la vicenda di Miguel non è l’unica, che tra quelle strade si nascondono migliaia di altre storie.

Altrettanto encomiabile è l’aspetto poetico. Il lungometraggio è infatti capace di veicolare un messaggio pedagogico moderno, utile sia ai bambini che agli adulti. In particolare, risulta interessante la descrizione del rapporto tra il protagonista e la sua famiglia.

Miguel vuol sinceramente bene ai suoi parenti, ma ha bisogno di esprimersi e di coltivare le sue passioni. Allo stesso tempo, i suoi parenti vogliono bene a lui e fanno quello che fanno convinti che sia la cosa migliore, prima di tutto per lui. Il film ci dimostrerà che entrambi hanno torto, in quanto le ambizioni di Miguel sono infantili e la scelta di reprimerle lo ha solo portato a idealizzarle.

La soluzione, sembra suggerirci la pellicola, sta nel compromesso, nella capacità di ascoltare, di comprendere e, quando necessario, di assecondare, ma senza mai rinunciare al proprio ruolo di guida.

Uno degli aspetti più riusciti del film è la rappresentazione del rapporto tra il protagonista e la sua famiglia
Uno degli aspetti più riusciti del film è la rappresentazione del rapporto tra il protagonista e la sua famiglia

 

A ritmo di musica

Non è possibile parlare di Coco senza parlare di musica. Il film ne è pieno e, tramite la celebrazione di essa, ci rende una bella immagine della cultura e del folclore del Messico.

Come infatti lo stesso regista Lee Unkrich (Toy Story 2, Alla ricerca di Nemo) ha specificato, il film nasce da un profondo studio delle tradizioni messicane, specie quelle legate al Día de Muertos, e vuole anche essere un omaggio a essa.

L’utilizzo della musica tradizionale non si limita però allo sterile omaggio. È tramite di essa che la storia si evolve e, in un modo che non riveliamo, e tramite di essa che arriverà a delle risoluzioni.

Questa centralità della musica è certamente una novità per la Pixar, che è stata molto brava però a recepire la grande lezione di musical animato della Disney. Il risultato comunque non è un musical propriamente detto, ma la cosa più vicina a questo genere che lo studio di Toy Story ha realizzato fin ora.

La musica ha un ruolo centrale nella vicenda, così come nella sua risoluzione...
La musica ha un ruolo centrale nella vicenda, così come nella sua risoluzione…
  • Sceneggiatura
  • Animazione
  • Colonna sonora
4

Riassunto

Un film realizzato splendidamente, capace di intrattenere e far riflettere adulti e bambini. L’ampio spazio che viene dato alla musica lo rende poi ancora più godibile.

Davide Ricci

Studente presso l'università di Firenze, dove frequenta il corso di laurea triennale in discipline delle arti, della musica e dello spettacolo (D.A.M.S.). Cinefilo polemico e appassionato, ha iniziato a scrivere recensioni e approfondimenti riguardanti la settima arte su di un blog personale, che ancora oggi gestisce. Grande lettore di narrativa fantastica sin da piccolo, ha al suo attivo la pubblicazione di diversi racconti. Per alcuni di essi è stato anche premiato in concorsi letterari di livello nazionale.