Sul New York Times Book Review uno spazio dedicato alla nona arte Ed Park e Hillary Chute scelti come editorialisti per la rubrica graphic novels e comics

5094 0

Pronta all’esordio la nuova rubrica mensile del New York Times Book Review dedicata al mondo dei fumetti. A guidarla sono stati chiamati Ed Park e Hillary Chute. I due cureranno l’editoriale riguardante graphic novels e comics che apparirà una volta al mese sul prestigioso inserto settimanale del New York Times, considerato una delle riviste di critica letteraria più influenti al mondo. Scriveranno a mesi alterni.

Hillary Chute è l’autrice di “Why Comics? From Underground to Everywhere” (recensito sulla copertina dello stesso Book Review lo scorso autunno). Ha scritto di fumetti per pubblicazioni tra cui Bookforum, The New York Review Daily, Poetry e The Village Voice. Altre sue opere sono “Disaster Drawn: Visual Witness, Comics and Documentary Form“, “Outside the Box: Interviews with Contemporary Cartoonists” e “Graphic Women: Life Narrative and Contemporary Comics“. Attualmente è docente di Inglese e Arte e design alla Northeastern University, dopo aver insegnato anche all’Università di Chicago e ad Harvard.f572792e-3d74-4aba-b579-a2961fba6fbd

Ed Park, autore del romanzo “Personal Days“, è stato tra i fondatori della rivista di critica letteraria The Believer e, più recentemente, è stato direttore esecutivo di Penguin Press. Per la Poetry Foundation ha dato vita all’iniziativa “Poem as Comic Strip” e ha scritto sul fumetto per il Los Angeles Times e The Village Voice, dove era editorialista. Ha scritto anche per The New Yorker, Bookforum e altri. Ex giudice della categoria graphic novel per il Los Angeles Times Book Award, ha recentemente scritto la prefazione alla prossima collezione di Chris Reynolds “The New World: Comics From Mauretania”.

A presentare Chute, Park e la nuova rubrica del New York Times Book Review è stato Gal Beckerman, editore del settimanale:

“Questa rubrica ci consentirà di trattare fumetti e graphic novels per quello che sono, ossia alcuni dei libri più creativi e gratificanti pubblicati oggi. Questi due critici, ciascuno proveniente da direzioni diverse ma entrambi scrittori fantastici con una profonda conoscenza dei fumetti, ci introdurranno a nuovi lavori e nuovi autori, nonché a quelli più recenti, e li esploreremo con la serietà che meritano”.

Fonte: New York Times

Roberto Iacopini

Classe 1984, insegnante, giornalista, sta ancora cercando di espandere il suo cosmo per raggiungere il settimo senso... ma si accontenterebbe del quinto e mezzo