Hawkman simbolo Horus

Hawkman, svelato il vero significato del simbolo di Horus Nel secondo numero della serie DC Comics Carter Hall scopre cosa cela l'emblema del falco

4392 0

ATTENZIONE SPOILER: Il seguente articolo contiene SPOILER su Hawkman #2, attualmente in vendita negli Stati Uniti

Svelato il vero significato dell’iconico simbolo di Hawkman rappresentate il profilo di Horus. Nel secondo numero della nuova serie DC Comics dedicata a Carter Hall il protagonista scopre cosa rappresenta davvero l’emblema. Ma per farlo deve viaggiare nello spazio-tempo.

Hawkman #2, attualmente in vendita negli Stati Uniti, è scritto dallo sceneggiatore Robert Venditti. Ai disegni troviamo di Bryan Hitch, affiancato negli inchiostri da Andrew Currie e Daniel Henriques. Colori di Jeremiah Shipper, con lettering originale di Richard Starkings.

Già il numero di debutto della nuova serie ha cambiato tutto ciò che pensavamo di sapere sull’eroe alato della DC, semplificando il suo complicato passato in una storia più snella e facile da capire. Ora sappiamo che ogni Hawkman fa parte di un ciclo di reincarnazioni, che si espande nel tempo e nello spazio legando insieme le versioni Golden Age e Silver Age del personaggio.

In Hawkman #2 la storia dell’eroe viene approfondita, in particolare per quanto riguarda il simbolo di Horus che porta sul petto. Un’icona che è qualcosa di più di un semplice logo da supereroe, come il pipistrello di Batman o il fulmine di Flash. L’emblema, infatti, nasconde un avvertimento sepolto nella storia di Hawkman ed è la chiave per capire il suo futuro. Per scopire il segreto del suo simbolo l’eroe deve però trovarsi faccia a faccia con la sua prima incarnazione conosciuta: il  Principe d’Egitto Khufu Maat Kha-Tar.

Il personaggio di Hawkman non ha sempre avuto il simbolo di Horus sul petto. Il suo costume ha sempre presentato un cerchio rosso sul petto, ma inizialmente la sagoma stilizzata del falco non compariva. Divenne standard nei primi anni ’60 con la versione Silver Age del personaggio e, da allora, è comparso in quasi tutte le versioni di Hawkman, sia come principe egiziano reincarnato sia come “poliziotto spaziale”.

Hawkman #2 reincarnazioni

Geoff Johns e James Robinson hanno contribuito ad espandere la storia personale di Hawkman nei primi anni 2000, esplorando diverse versioni del personaggio nel corso delle varie epoche storiche. Tra queste abbiamo visto Silent Knight, vissuto nell’Inghilterra del sesto secolo, e il cowboy noto negli Stati Uniti occidentali del diciannovesimo secolo come Nighthawk. Ognuna di queste incarnazioni, così come quelle introdotte da Venditti e Hitch, hanno il simbolo del falco sul petto. 

Carter credeva che l’emblema rappresentasse la loro storia condivisa e un simbolo dell’eroe che impersonificano, ma ora ha scoperto che in realtà cela qualcosa di molto più pericoloso. Il falco rappresentato nell’emblema non è infatti né Horus né Hawkman stesso, ma serve come promemoria per una minaccia che sta arrivando: The Deathbringer (il Portatore di Morte in italiano).

Consapevole dell’imminenza del pericolo, Hawkman ha bisogno di trovare un modo per fermarlo. Per questo effettua un giro per il mondo alla ricerca di indizi nella sua storia, nella speranza di trovare un antenato o una precedente incarnazione di se stesso che conosca The Deathbringer e sappia come affrontare il suo eventuale arrivo.

La ricerca di Carter lo conduce al British Museum, a cui negli anni ’20 una sua precedente incarnazione aveva donato una serie di preziosi manufatti risalenti all’era del principe Khufu. La vicinanza con i reperti fa sì che Hawkman sperimenti una sorta di viaggio nel tempo (o nella propria coscienza?) che lo riporta al tempo di Khufu. Il principe vede Hawkman e crede che sia The Deathbringer, di cui ha previsto l’arrivo. I due lottano in aria, fino a quando non capiscono che entrambi hanno le stesse visioni del Portatore di Morte. Non solo. Sia Carter che Khufu hanno sentito una misteriosa parola, “Kalmoran”, e nessuno dei due sa cosa significhi.

Hawkman #2 Khufu

Kalmoran è in realtà il nome del più grande eroe della storia di Thanagar, il pianeta natale di Hawkman. Introdotto da Gardner Fox e Joe Kubert nella forma di una statua in The Brave and The Bold #43, Kalmoran visse da schiavo durante un periodo in cui il suo mondo era soggiogato dai Polariani. Riuscì tuttavia a fuggire e a formare un esercito di Thanagariani per rovesciare gli invasori, dopodichè li inseguì attraverso la galassia liberando i vari mondi da loro ridotti in schiavitù, portando così la pace nel loro sistema. Kalmoran tornò dunque a casa, nell’isola in cui era nato, sposò l’amore della sua vita e morì, felice.

Resta da scoprire quale ruolo giocherà ora nella serie. Sarà d’aiuto a Carter Hall nella sua lotta a The Deathbringer, o è lui stesso il Portatore di Morte? In ogni caso, Kalmoran sembra parte integrante del mistero su cui sta indagando Hawkman, quindi non sarebbe sorprendente vedere l’eroe di Thanagar apparire presto nella serie, in una forma o nell’altra. Per ora la ricerca ha fruttato a Carter Hall una mappa, nascosta per lui da Khufu all’interno di uno dei manufatti, che lo sta portando verso Dinosaur Island.

Hawkman #2 svela inoltre un altro dettaglio molto interessante. Dalla sequenza di flashback narrata nei diari di Carter Hall apprendiamo infatti che Khufu non è stata la prima incarnazione di Hawkman, un importante cambiamento nella storia del personaggio che potrebbe portare a nuovi approfondimenti in futuro. Come sappiamo, in origine Khufu e la sua consorte Chay-Ara furono uccisi dal sacerdote Hath-Set con una lama forgiata con il metallo alieno Nth (ricavato da un’astronave Thanagariana precipitata sulla Terra),  e questa fu la causa delle loro successive reincarnazioni nel corso del tempo.

Hawkman #2 Khufu 2

Ma se Khufu non è stata la prima incarnazione di Hawkman, chi è il primo eroe alato della storia? Sappiamo che la linea temporale di Hawkman si estende oltre la Terra verso Thanagar, Rann, Krypton e oltre. Come Khufu non è stata la prima incarnazione, la Terra non è stato il primo mondo in cui è comparso l’eroe. Da dove inizia quindi l’eredità di Hawkman? E’ possibile che il misterioso The Deathbringer rappresenti un aspetto nascosto della storia di Carter Hall, una parte del personaggio che è stata rinchiusa nell’inconscio a causa della natura oscura delle sue azioni.

Abbiamo scoperto molti aspetti nuovi della storia di Hawkman, ma c’è ancora molto che non conosciamo e che lo stesso Carter Hall non conosce. Per questo, prima che sia finita, la sua ricerca per scoprire chi è e da dove viene lo porterà attraverso tutto l’universo DC.

Fonte: CBR

Roberto Iacopini

Roberto Iacopini

Classe 1984, insegnante, giornalista, sta ancora cercando di espandere il suo cosmo per raggiungere il settimo senso... ma si accontenterebbe del quinto e mezzo