Quasirosso

Quasirosso – La Recensione Nella sua prima raccolta di vignette pubblicata da Shockdom il fenomeno di Instagram Giovanni Esposito ci racconta della sua quotidiana fantasia

4511 0

Shockdom sta portando avanti da qualche anno un interessante progetto di pubblicazione in cartaceo di opere di giovani autori emergenti esplosi sul web. Dopo Gattini Assassini Sudati, il fumetto di Cartoni Morti, i libri di Labadessa e tanti altri è l’ora Giovanni Esposito con il suo Quasirosso. Si tratta di una raccolta delle migliori vignette pubblicate dal fumettista su Instagram, dove al momento conta 37mila follower, arrichite da parecchi contenuti inediti.

Quasirosso

REALTÀ + FANTASIA= QUASIROSSO

“Iperattività immaginativa”: una certa difficoltà a distinguere fantasia e realtà. Esposito apre il suo libro parlandoci di questa particolarità di se stesso dialogando direttamente con il lettore, fornendo allo stesso tempo un’introduzione a quello che vedremo in seguito. Dopo queste prime pagine ci troviamo davanti ad un susseguirsi di vignette, illustrazioni e brevi storie. Il fumettista spazia tra varie tematiche e stili per comunicare a un pubblico variegato la propria personalità e come funzioni la propria mente fantasiosa. Si passa da episodi di vita vera in cui la realtà si sporca di fantasia dando vita a situazioni divertenti, a vignette più serie e riflessive, fino a illustrazioni totalmente folli.

A parte rare eccezioni si parla di fumetti molto rapidi, che fanno dell’immediatezza il loro punto di forza. Ciò è facilmente comprensibile se si pensa al fatto che per la maggior parte sono contenuti nati per la pubblicazione su Instagram e che quindi devono catturare gli utenti in cerca di intrattenimento sui social. Nel passaggio su carta il lavoro di Esposito ne risente parzialmente, ma la sua effettiva qualità prescinde dal mezzo tramite cui viene fruito. Il rovescio della medaglia è che la sua natura estremamente rapida ed immediata rende il volume cartaceo un po’ troppo veloce da finire, lasciando al lettore la sensazione di volerne di più.

Quasirosso

DAL WEB AL CUORE DEL LETTORE, PASSANDO PER LA CARTA

Come molti altri dei suoi giovani colleghi esplosi sul web, Esposito fa dello stile grafico particolare un grande punto di forza. Il suo tratto è infatti molto riconoscibile, in grado di risaltare subito e parlare direttamente ai suoi lettori. Quale che sia la situazione raccontata i disegni di Quasirosso riescono ad adattarsi molto bene e a comunicare i vari stati d’animo del protagonista e il mood della specifica vignetta. Ad esaltare il tratto c’è poi un sapiente uso del colore, che passa dai neri e grigi delle situazioni più riflessive e malinconiche a tonalità sgargianti nelle parti più leggere.

Dai disegni del fumettista traspare una grande spontaneità nel raccontare la propria realtà contaminata dalla fantasia, colpendo direttamente il lettore. Quasirosso infatti ha il grande pregio di dipingere situazioni che, per quanto surreali a volte, saranno capitate almeno una volta a tutti. Si crea così una forte connessione tra autore e pubblico, motivo del grande successo riscosso dal profilo Instagram da cui tutto è nato.

Andrea Grumelli

Andrea Grumelli

Nato nel 1997, studia Medicina all'Università di Pavia. Nel tempo libero gioca a basket (o almeno cerca di non fare figuracce) e si nutre di fumetti, di qualsiasi provenienza e tipologia. È affamato 24 ore su 24. Vive sempre con la testa tra le...nuvolette!