Chambers: La recensione della prima stagione arriva su Netflix una serie TV horror che gioca con il mondo new age e quello dei nativi americani.

3579 0

Negli scorsi mesi, uno dei grandi successi di Netflix è stata la serie horror The Haunting of Hill House, ora il colosso dello streaming ci riprova con Chambers una serie dell’orrore creata e prodotta da Leah Rachel, con una prima stagione di 10 episodi che vede nel cast Sivan Alyra Rose, Griffin Powell-Arcand, Uma Thurman e Tony Goldwyn.

Chambers è sicuramente una serie teen horror interessante, con una storia che in alcuni tratti potrebbe ricordare qualcosa di già visto in passato, ma che per altri versi è sicuramente originale. La trama ci porta in Arizona, dove la 17 enne Sasha subisce un trapianto del cuore dopo un’infarto. Il cuore che le ha restituito la vita è di Becky LeFevre coetanea e benestante, morta a causa di un incidente domestico. Dopo il trapianto la vita di Sasha sembra diversa, si sente posseduta e il rapporto ambiguo e morboso che nascerà fra lei e la famiglia di Becky non migliorerà le cose.

Chambers gioca con diversi registri, sfrutta le differenze culturali ed economiche fra i suoi personaggi, divisi fra ricchi e poveri, fra meditazione New Age e il culto dei nativi americani, tutti questi saranno elementi cardine nella narrazione della serie, andando a incontrarsi e scontrarsi nel disegno celato che via via si farà più chiaro con il passare degli episodi.

La trama in qualche modo vuole rispondere ad alcuni grandi misteri della vita, il dove si annidi l’anima umana, la vita oltre la morte e la reincarnazione; l’orrore di Chambers non è quello fatto di grandi jumpscare, ma quello che si nasconde dietro l’ambiguità e il mistero, che attinge a miti, rituali e spiritualità che in maniera diversa influenzano tutti i personaggi di questa serie, portandola nel mondo del cinema horror paranormale e psicologico, dove questo show trova la sua giusta collocazione.

Se vi piace questo genere di racconti, Chambers potrebbe essere un ottima scelta, meglio ancora se avete la possibilità di vederla tutta di un fiato -senza soste -in modo da tenere la tensione ancora più tesa. Il finale lascia la porta aperta a una possibile seconda stagione ancora da confermare.

Per tutte le notizie sul mondo di Netflix seguite punto Netflix su Facebook
bannerpni

Marcello Portolan

Uno strano mix genetico sperimentale allevato a fumetti & fantascienza classica, plasmato dal mondo dell'informatica e della tecnologia, ma con la passione per la scrittura. Un ghiottone che adora esplorare il mondo in cerca di Serie TV e pellicole da guardare noncurante dei pericoli del Trash e dello splatter. un vero e proprio globetrotter del mondo NERD