Michael B. Jordan : Non accetto più ruoli scritti per afro-americani in una recente intervista la star di Black Panther ha dichiarato che accetterà provini solo per ruoli scritti per attori bianchi

5804 0

L’attore,star della prossima trasposizione di Fahrenheit 451 e della pellicola MCU Black Panther ha dichiarato che per evitare pregiudizi, accetterà solamente ruoli scritti per attori bianchi

Leggi anche: Black Panther: La recensione di Projectnerd

Nell’intervista per “Actors on Actors” di Variety,l’attore Michael B. Jordan ha confessato alla collega Issa Rae (Insecure) che, dopo aver terminato la produzione del film Prossima fermata Fruitvale Station, ha detto ai suoi agenti di non volere più audizioni per ruoli scritti espressamente per  attori afro-americani.

Ho detto, non lo voglio più fare. Voglio fare provini solo per ruoli di maschi bianchi. È così.
Io interpretando quel ruolo lo renderò quello che è. Non voglio alcun pregiudizio sul personaggio.

Rea ha rivelato che negli ultimi anni sembrerebbe che il mondo di Hollywood negli ultimi anni abbia cambiato la sua percezioni riguardo alle attrici di colore. A inizio carriera, l’attrice ha dichiarato di aver ricevuto consigli per alcuni ruoli da parte dei suoi agenti, ma lei avrebbe dubitato delle sue possibilità, a causa del colore della sua pelle.

Conoscevo già il tipo di donna richiesto per il ruolo, quindi non mi preoccupavo nemmeno di fare il provino
Le persone sono state ricettive. Anche solo la certezza che un film come ‘Black Panther’ e altri film di altri cineasti di colore abbiano davvero cambiato quello che le persone immaginano quando si parla di una protagonista, una bella persona o audace.

Leggi anche: fahrenheit 451: Online il nuovo trailer

Jordan ha poi aggiunto che, a seguito all’appello di Frances McDormand agli Oscar, inserirà la clausola di inclusione in tutti i progetti del suo Studio Outlier Society Productions.

Ho avuto il privilegio di lavorare con donne potenti e persone di colore nel corso della mia carriera e la missione di Outlier è quella di continuare a creare persone di talento in futuro.

Voi cosa ne pensate della scelta dell’attore afro-americano?

Fonte : Variety

 

 

Marcello Portolan

Uno strano mix genetico sperimentale allevato a fumetti & fantascienza classica, plasmato dal mondo dell'informatica e della tecnologia, ma con la passione per la scrittura. Un ghiottone che adora esplorare il mondo in cerca di Serie TV e pellicole da guardare noncurante dei pericoli del Trash e dello splatter. un vero e proprio globetrotter del mondo NERD