How i Met PJN: la nostra intervista con il regista di Klaus – Sergio Pablos

937 0

Negli scorsi giorni sono stati annunciati i titoli nominati per gli Oscar 2020, per l’animazione, in gara troviamo anche il film di natale targato Netflix: Klaus.
Noi di ProjectNerd.it abbiamo avuto modo di chiacchierare con il regista della pellicola, Sergio Pablos

 

Come hai scoperto la tua passione per il mondo dell’animazione?

I miei genitori mi hanno detto che avevo cinque anni quando ho deciso per la prima volta di diventare un animatore. Sono sempre stato affascinato dall’idea che si potesse dare vita, movimento e anima ai disegni. All’epoca non sapevo nulla del processo, ma per me è sempre stato affascinante. Ho frequentato la Cal Arts, dove ho avuto il privilegio di condividere la classe con alcune delle persone più talentuose che lavorano oggi nell’animazione. Ho avuto la mia prima esperienza lavorando in piccoli studi di animazione in Spagna, poi ho avuto la possibilità di lavorare presso l’ormai estinta Disney Paris Feature Animation Studio.

Da dove viene l’idea di Klaus?

Era il 2010 e ho notato molte storie di origini nel cinema. Se ricordi, Jason (venerdì 13) stava per ricevere una storia sulle origini, Hannibal Lecter stava ricevendo una storia sulle origini, tutti stavano avendo una storia sulle origini  (ride). Ho pensato che sarebbe stato interessante prendere un personaggio che era già ben consolidato e aggiornare tutta la sua tradizione e mitologia. Ho fatto un elenco di possibili personaggi storici o immaginari che potrebbero prestarsi all’idea- potresti trovare nomi come Napoleone, Dracula o Giovanna d’Arco – e ho scelto Babbo Natale. All’inizio non mi aveva preso, mi è sembrata una storia molto confusa, ma ho continuato a pensarci. Ho fatto qualche ricerca e ho scoperto che esiste una storia di origini storica, una storia di origine religiosa, con molte tradizioni diverse da ogni paese , ma non esiste una storia ampiamente accettata per Babbo Natale.
Ho pensato che sarebbe stato interessante provare a trovare la giusta angolazione. l’idea non era quello di rendere Babbo Natale il personaggio principale, ma invece di renderlo più un simbolo per l’altruismo e quindi trovare un altro personaggio principale che doveva imparare quella lezione. Ecco dove è nato Jesper il postino.

Con il tuo lavoro sei stato in contatto con le più grandi realtà di animazione. Quale pensi sia la differenza con il mondo di Netflix? lo streaming è davvero il futuro del cinema?

 

Conosco molti progetti, incluso Klaus, che non avrebbero mai visto la luce se non fosse stato per i servizi di streaming. Sembrano davvero disposti a correre più rischi sul tipo di progetti e creatori che supportano, e ciò porterà inevitabilmente a una gamma più ampia di contenuti animati a cui tutti avremo accesso. Avrei difficoltà a presentare qualsiasi tipo di lamentela, sia come regista che come spettatore.

 

Pensi che Klaus possa entrare nella cerchia dei classici di Natale?


Netflix adorava l’idea di raccontare una storia in qualche modo cinica sull’argomento. se  tutto il bene di Babbo Natale passasse attraverso le azioni del peggior essere umano che posso immaginare, giusto?
Questo è ciò che mi ha fatto venire voglia di raccontare la storia. E, se siamo riusciti a farlo con una buona dose di umorismo e cuore, potremmo aver creato un vero classico di Natale

Quali sono i tuoi prossimi progetti futuri?

 

Ho un paio di idee. Entrambi sono  animati tradizionalmente perché ho scoperto che c’è molto altro da esplorare in quest’area. Ma voglio assicurarmi che ogni film sia un’esperienza visiva completamente diversa in termini di tono e stile. Non so cosa finirà per essere, ma sarà sicuramente molto diverso da Klaus. E ovviamente prima vedrò Netflix. Mi piacerebbe continuare questa relazione perché non ho mai avuto questo livello di autonomia, parlando di creatività. Ogni volta che abbiamo avuto opinioni diverse, hanno detto: “ok, è il tuo film, quindi decidi tu”, come non avevo mai visto prima.  In molti studios il regista è poco più di un lavoratore ma in Netflix dicono:  “ok, abbiamo acquistato la tua visione e ora siamo legati alla tua visione”. È un privilegio incredibile, e allo stesso tempo la cosa più spaventosa di sempre perché non ho nessuno da incolpare se questa cosa mi esplode in faccia. È tutta colpa mia. Quindi … incrociamo le dita!

 

Ringraziamo Sergio Pablos del tempo che ci ha dedicato e gli auguriamo buona fortuna per i suoi lavori futuri, ma soprattutto per la sua corsa all’Oscar 2020.

 

Marcello Portolan

Uno strano mix genetico sperimentale allevato a fumetti & fantascienza classica, plasmato dal mondo dell'informatica e della tecnologia, ma con la passione per la scrittura. Un ghiottone che adora esplorare il mondo in cerca di Serie TV e pellicole da guardare noncurante dei pericoli del Trash e dello splatter. un vero e proprio globetrotter del mondo NERD