Michael Bay a lavoro su Songbird: un thriller a tema pandemico che potrebbe fare storia

374 0

Una delle più grosse curiosità riguardo al post pandemia riguarda il come le produzioni cinematografiche riusciranno ad adattarsi alle nuove stringenti regole imposte dai rigidi protocolli per il distanziamento sociale e per evitare nuovi contagi sul set. Invisible Narratives e Michael Bay con il loro Songbird sembrano però decisi a battere la concorrenza sul tempo aprendo la strada con un approccio inusuale alle riprese.
Questo Thriller, incentrato proprio su una pandemia, entrerà in produzione nelle prossime 5 settimane e sarà girato a Los Angeles durante il Lockdown, diventando probabilmente il primo film a essere girato dopo la pausa.

Il regista Adam Mason e lo sceneggiatore Simon Boyes starebbero già lavorando in remoto con gli attori, il team creativo infatti avrebbe già ottenuto la green light dalla produzione per realizzare il progetto, in una situazione dove moltissimi studios sono ancora alla ricerca del protocollo di sicurezza perfetto.

Una delle chiavi potrebbe essere legata all’utilizzo di scene preparate in precedenza dalla crew, che quindi non sarà presente quando gli attori saranno sul set, così come gli stessi attori saranno mantenuti a distanza e limitati come numero. Il film – descritto come uno sorta di mix tra Paranormal Activity e Cloverfield- sarà ambientato 2 anni nel futuro, in un mondo ancora sotto lockdown, dove il virus ha continuato a mutare e si fanno largo le idee su complotti e cospirazioni governative.

Sappiamo però che songbird avrà un budget limitato e che i diritti saranno venduti al Virtual Cannes Market

 

Marcello Portolan

Uno strano mix genetico sperimentale allevato a fumetti & fantascienza classica, plasmato dal mondo dell'informatica e della tecnologia, ma con la passione per la scrittura. Un ghiottone che adora esplorare il mondo in cerca di Serie TV e pellicole da guardare noncurante dei pericoli del Trash e dello splatter. un vero e proprio globetrotter del mondo NERD