“Shang-Chi” e “Eternals” della Marvel potrebbero affrontare una battaglia per entrare in Cina Un recente report dei media statali cinesi ha aggiunto alle voci che due importanti film di supereroi Marvel, "Eternals" e "Shang-Chi e la leggenda dei dieci anelli", potrebbero non essere approvati per l'uscita in Cina.

201 0

In un report sui film della Fase Quattro del Marvel Cinematic Universe, il CCTV6 China Movie Channel ha trasmesso un elenco delle date di uscita negli Stati Uniti per otto dei dieci titoli in programma, ma ha omesso in modo evidente “Eternals” e “Shang-Chi”. Dopo “Black Widow”, che uscirà negli Stati Uniti il ​​9 luglio, sono i prossimi due film MCU in programma, in uscita in Nord America rispettivamente il 3 settembre e il 5 novembre.

L’omissione potrebbe sembrare piccola, ma il suo significato sta nella sua provenienza: il canale è sotto la giurisdizione del potente dipartimento di propaganda cinese, che ha l’ultima parola sull’approvazione dei film.

La Cina non vanta un mercato libero nel cinema. Tutti i film realizzati all’estero in cerca di uscita nelle sale cinesi devono ricevere l’approvazione del governo e superare la censura. Ci sono anche quote separate per i film importati a condizioni forfettarie e quelli, come i titoli degli studi di Hollywood, che cercano un’uscita più redditizia per la condivisione delle entrate attraverso un distributore di proprietà statale.

Sebbene il rapporto di China Movie Channel non sia una prova concreta del fatto che i due titoli saranno banditi dal mercato cinese, la loro omissione potrebbe essere un’indicazione che qualcosa su di loro sta preoccupando i funzionari cinesi.

Entrambi i film hanno un collegamento diretto con la Cina. “Shang-Chi” segnerà il debutto del primo supereroe asiatico della Marvel, interpretato dal cinese Simu Liu, insieme a Tony Leung Chiu-wai e Michelle Yeoh, entrambi nomi familiari in Cina. “Eternals” è il primo tentpole della Marvel diretto da una donna di colore: Chloé Zhao (“Nomadland”), nata in Cina e vincitrice di un Oscar.

Il fatto che proprio i due film che ci si potrebbe aspettare risuonino maggiormente tra gli spettatori cinesi siano ora quelli che devono affrontare le preoccupazioni della censura, mette in luce la difficoltà di navigare nel più grande mercato cinematografico del mondo.

Le probabilità sono già più chiaramente avvalorate contro “The Eternals”, a causa della posizione di Zhao come inaspettata persona non grata in Cina. Un divieto di “The Eternals” sarebbe scioccante ma non inverosimile, dato il recente contraccolpo nazionalista che ha portato alla cancellazione del nome e dei risultati di Zhao da gran parte del web cinese.

I media statali cinesi hanno celebrato la sua vittoria come miglior regista ai Golden Globe di febbraio, ma quando i suoi storici tre premi Oscar per “Nomadland” si sono conclusi due mesi dopo, le autorità hanno imposto un blackout alla notizia. Il debutto programmato del film il 23 aprile in versione limitata è stato ritirato, senza alcuna spiegazione o nuova data fissata.

I guai di Zhao dimostrano che la pesca alla traina in Cina può avere conseguenze significative nel mondo reale, almeno quando la pressione online è allineata con i sentimenti che le autorità desiderano incoraggiare, come il nazionalismo.

Questo potrebbe rivelarsi problematico per “Shang-Chi”, che da tempo è stato perseguitato dalle denunce nazionaliste.

L’ombra di Fu Manchu

Diverse questioni hanno suscitato malcontento, anche se non è chiaro quali abbiano maggiormente influenzato le autorità.

Il primo è il personaggio Fu Manchu, il cattivo dei fumetti originali che si scopre essere il padre di Shang-Chi. Il personaggio, visto nel corso degli anni come l’incarnazione dello stereotipo “Yellow Peril”, è stato tratto dal nuovo film per allontanarlo da queste connotazioni razziste. È stato rinnovato come Wenwu, o “il mandarino”, interpretato dalla leggenda della recitazione di Hong Kong Leung.

Ma molti in Cina non sanno che il film del 2021 ha reimmaginato il vecchio personaggio di Fu Manchu, o forse semplicemente non se ne sono curati.

“Sebbene ‘il mandarino’ non sia la stessa persona di Fu Manchu, è ancora all’ombra di ‘Fu Manchu'”, ha ammonito nel 2019 il giornale ufficiale della Lega della Gioventù Comunista China Youth Daily e ciò ha causato enormi polemiche in Cina. La Marvel vuole che Shang-Chi guadagni denaro da un pubblico globale … [ma] deve affrontare una grande sfida. Il film stesso deciderà se finirà in lacrime o in una risata “.

Questa settimana, molti utenti di Weibo hanno fatto eco a questo presentimento. “Quindi il nome e non è più Fu Manchu? Il mandarino è intrinsecamente un carattere che oscura l’immagine del popolo cinese ”, ha scritto qualcuno. “Spero che China Film e le autorità di censura non vengano annebbiate da questa decisione; questo tipo di film non è degno di arrivare in Cina per fare soldi con noi chiamandoci sciocchi “.

Un’altra delle lamentele più comuni sorprenderà sicuramente i fan americani entusiasti del film come punto di riferimento per la rappresentazione asiatica. Molti commentatori online hanno criticato Liu e Awkwafina per non aver rispettato i tipici standard di bellezza cinese ideale caratterizzata dal mento sottile, dal naso alto, dalla pelle pallida e dalle doppie palpebre. In uno degli argomenti più negativi di tutti, molti dicono che la Marvel li abbia scelti in ruoli principali perché lo studio “discrimina l’aspetto del popolo cinese”.

“Gli stranieri adorano scegliere deliberatamente attori asiatici con gli occhi strabici! Ci sono molti attori in Cina e in Asia con occhi grandi e caratteristiche prominenti ”, ha scritto uno.

C’è anche la vaga possibilità che Leung sia stato in qualche modo inserito nella lista nera, assumendo potenzialmente un ruolo politicamente carico dietro al personaggio che interpreta. Due thriller polizieschi sulla corruzione in cui recita hanno, per qualcuno, titoli eloquenti della sua situazione (“La caccia”, “Dove soffia il vento”).

“Piuttosto stereotipato”

Più in generale, la reazione iniziale al poster e al trailer del film nelle regioni di lingua cinese è stata critica, con molti commentatori in Cina, Taiwan e Hong Kong concordi sul fatto che sembrerebbe pronto a fornire una visione “piuttosto stereotipata” del popolo e della cultura cinese: completa di kung fu, lanterne, pagode e del colore rosso.

“Questi sono personaggi creati esclusivamente allo scopo di ottenere una fetta della grande torta che è l’enorme botteghino cinese – non c’è proprio anima in loro! Il miscuglio di elementi asiatici nel film è incomprensibile “, ha scritto un critico.

Su entrambi i canali YouTube Marvel ufficiali di Hong Kong e Taiwan, i fan hanno espresso una frustrazione simile. “Sembra che questo sarà allo stesso livello della versione live-action di ‘Mulan'”, ha scritto qualcuno.

Liu, che è nato nella città di Harbin nel nord della Cina, ha riconosciuto ma ha respinto i suoi nemici con un videomessaggio pubblicato su Weibo alla fine del mese scorso in mandarino.

Ha ringraziato i fan per il loro sostegno, prima di affermare: “A tutte quelle altre persone che sperano sinceramente che falliremo, non ho niente da dirvi. Aspetta e vedrai.”