Come Il Robo-Trading Può Aiutarti A Diversificare Il Tuo Portafoglio

22 0

Tra le tante strategie che un trader può utilizzare al fine di introdurre un certo livello di diversificazione all’interno del proprio portafoglio di investimenti finanziari, può essere interessante valutare la grossa opportunità offerta dal cosiddetto robo-trading.

Per robo-trading si va normalmente a definire un metodo di investire sui mercati basato su algoritmi che, in maniera automatica sulla base di una serie di indicazioni fornite in input, effettuato investimenti e disinvestimenti in maniera automatica. In questo contesto, l’essere umano assume un ruolo di mero supervisore delle operazioni effettuate da una macchina.

Sono sempre di più i broker che, consci del loro ruolo fondamentale nella vita quotidiano di ogni trader, offrono ai clienti la possibilità di effettuare alcune operazioni tramite sistemi algoritmici.

Ma come utilizzare queste nuove tecnologie in maniera “ragionata” senza esporre il proprio portafoglio ad un rischio di concentrazione degli investimenti troppo elevato? Cerchiamo di ragionare sul tema insieme in questo articolo al fine di portare un po’ di chiarezza in questo ambito.

Perché è importante diversificare i propri investimenti

Per capire il motivo per il quale sia così importante per un investitore diversificare le proprie scelte di investimento, occorre definire il termine “rischio di concentrazione”.

Per rischio di concentrazione in finanza si intende la misurazione del rischio che gli investimenti all’interno di un portafoglio siano eccessivamente diretti verso un settore specifico o, meglio, che l’andamento di tali investimenti sia estremamente correlato tra di loro.

In un portafoglio fortemente concentrato, un evento negativo in un particolare settore avrà il potere di abbattere l’intera strategia di investimento del trader, ponendo l’investitore nella scomoda situazione di dover valutare metodi per recuperare le perdite registrate.

Sebbene non tutto il mondo della finanza concordi pienamente circa le necessità di differenziare sempre ed in ogni caso la propria strategia di investimento, può essere utile considerare la diversificazione come una tutela da inserire nel portafoglio contro l’ignoranza con la quale chiunque non abbia tempo di svolgere un lavoro di ricerca continuo per giustificare i propri investimenti ognuno di noi deve lottare.

L’innovazione offerta dal robo-trading

Il robo-trading è dunque identificabile con la vera e propria scrittura ed esecuzione di algoritmi di esecuzione di strategie di investimento.

Tenere costantemente monitorati i mercati può essere un’operazione infattibile per un trader medio, possono emergere problemi di fuso orario o di incompatibilità con la vita lavorativa di tutti i giorni. Perché, dunque, non affidarsi ad un algoritmo ben tarato per prendersi cura del proprio portafoglio?

Oggi molti broker offrono almeno una delle seguenti funzionalità ai propri clienti:

  • Esecuzione di funzionalità pre-programmate: molte piattaforme di trading consentono agli utenti di mettere in piedi strategie algoritmiche classiche pre-confezionate e di inviare segnalazioni circa nuove strategie consigliate che altri trader potrebbero ritenere utili
  • Scrittura di piccoli algoritmi di esecuzione di operazioni: per i meno timorosi di “sporcarsi le mani”, sono diversi i broker che, tramite le loro piattaforme, consentono agli utenti di scrivere in un linguaggio di programmazione semplificato piccoli algoritmi per eseguire ordini di acquisto e vendita di asset quotati

L’utilizzo dell’intelligenza artificiale

Il mondo del trading è solo uno dei tanti aspetti che l’intelligenza artificiale sta trasformando in maniera radicale. L’idea è semplice ed era stata teorizzata da alcuni visionari matematici molto prima che nascessero strumenti informatici tali da poter applicare questi algoritmi.

In estrema sintesi, l’intelligenza artificiale si basa sul concetto di machine learning, ovvero quella pratica di realizzare algoritmi in grado di apprendere informazioni utili su dati esistenti per applicazioni su dataset nuovi. L’assunto di fondo (e, di norma, è verificato) è che un algoritmo sia in grado di individuare pattern nei dati che il cervello umano individuerebbe con molta più difficoltà (e, dunque, in molto più tempo).

Se il robo-trading classico si basa sull’interpretazione fornita dai trader ad un set di indicatori di natura tecnica, il machine learning compie un passo in più: perché aspettarsi che sia il trader a dire esattamente in quali situazioni comprare e vendere un titolo se un algoritmo può individuare tali scenari con maggiore precisione?

Ed è così che, con l’opportuno bilanciamento tra un input di qualità, un algoritmo performante e un costante lavoro di supervisione da parte dell’essere umano, il robo-trading 2.0 – basato sui moderni algoritmi di intelligenza artificiale – ha tutte le potenzialità per spalancare le porte ad un set di tecnologie che, fino a pochi anni fa, sembravano poter vivere solo all’interno della science fiction.

Iarin Fabbri

Iarin Fabbri

Spadin (alias Iarin Fabbri) è uno dei fondatori di Project Nerd. E' socio fondatore di Webbare.it che è l'azienda che si occupa di tutto lo sviluppo software e montaggi video e grafica per Project Nerd. Spadin è esperto di retrogaming e comics, più che esperto, possiamo definirlo memoria storica, e si tiene informato sulle serie tv e i cine-comics