Come Moon Knight si distingue dal resto del MCU, sia dal punto di vista comico che eroico Ciò che lo rende così speciale è che ha questo piccolo inglese che vive dentro di lui

229 0

Il Marvel Cinematic Universe ha una formula, quella che lo studio ha realizzato in oltre 20 film in quasi 15 anni. Ma stiamo assistendo all’evolversi della formula, con film come “Iron Man 3” o ora con programmi TV come “WandaVision”, cambiando il formato e offrendo film emozionanti che sembrano diversi da tutto ciò che li ha preceduti.

Ora, sembra che il prossimo titolo a seguire questa tendenza sia “Moon Knight”, il nuovo spettacolo Marvel in arrivo su Disney+ che promette di essere pieno di azione brutale e cruda e anche una rappresentazione sfumata della salute mentale che non abbiamo visto in ancora l’MCU. Tuttavia, questo è uno spettacolo Marvel su un supereroe, quindi è meglio scommettere che ci saranno eroi e molto umorismo. Per fortuna, però, sembra che anche lì “Moon Knight” farà le cose a modo suo.

Durante una conferenza stampa per “Moon Knight” a cui ha partecipato /Film, Oscar Isaac ha parlato di come lo spettacolo si distingua dagli altri titoli del MCU in termini di supereroi.

“C’era una reale opportunità per fare qualcosa di completamente diverso, in particolare nel MCU. E per concentrarsi davvero su questa lotta interna di questo personaggio e usare l’iconografia egiziana e il genere dei supereroi, questo linguaggio, per parlare di questa vera lotta interna che questo persona sta avendo. E anche per creare un personaggio indelebile e insolito, in particolare con Steven Grant”.

Certo, ci vuole un villaggio per fare un film o un programma TV, specialmente uno Marvel, e Isaac lo riconosce.

“È stato come se per me, una volta che ho avuto un’idea reale di come volevo interpretare Steven e l’ho portato a tutti e l’hanno accolto a braccia aperte, ho anche capito di avere collaboratori reali e incredibili e sarebbe stato un avventura creativa.”

Secondo Isaac, lo spettacolo, che segue un normale civile affetto da disturbo dissociativo dell’identità, è incentrato sul metterti all’interno della pelle del protagonista e delle sue molteplici personalità. “Lo stai vivendo proprio come lo sta vivendo lui”, continua.

“Penso che Steven in particolare, ci sia un senso dell’umorismo diverso da quello che abbiamo visto. Penso che la Marvel in particolare abbia fatto un lavoro straordinario nel combinare azione e commedia in un modo fantastico. E ho pensato con Steven , c’era la possibilità di fare un tipo di commedia diverso da quello che abbiamo visto, su qualcuno che non sa di essere divertente, non sa che lo è. Ed è stato davvero eccitante”.

Naturalmente, la grande personalità che vedremo nello show è il mercenario Marc, che funge anche da vigilante Moon Knight. Ancora più importante, ha uno strano accento.

“Poi per trovare il contrappunto di quello con Marc, in qualche modo appoggiandosi un po’ allo stereotipo del ragazzo torturato, oscuro, vigilante, che ciò che lo rende così speciale è che ha questo piccolo inglese che vive dentro di sé”.

Se c’è qualcosa su cui possiamo contare, Oscar Isaac sta diventando completamente strano in un ruolo.

“Moon Knight” sarà presentato in anteprima su Disney+ il 30 marzo 2022.

Ary