London Super Comic Convention by CupOfPino – Parte 3

877 0

#CupOfLondon: ecco il terzo ed ultimo resoconto di CupOfPino sul London Super Comic Convention 2016


Eccoci alla terza parte del mio resoconto sul London Super Comic Convention 2016.

Abbiamo parlato di fumettisti, di cosplayer, di negozi, di stand… ma tiriamo delle conclusioni!

Tristezza e Galactus?
Tristezza e Galactus?

La prima cosa che mi sento di dire è che vorrei tanto una fiera del genere in Italia: un evento dove il focus è puntato sugli artisti ma senza dovere forzare la mano su questa cosa, anzi …dove l’ integrazione con le altre parti avviene quasi naturalmente senza doverlo sbandierare ai quattro venti.

Inoltre la seconda cosa evidente è che il SLCC è il paradiso per chi ha il culto dei comic book e degli artisti. Per chi lamenta una carenza di artisti “americanofili” in Italia (anche se con la crisi dei manga, la cosa è cambiata molto, va detto) il mio consiglio spensierato è uno solo : trovate un viaggio a pochi soldi, un albergo a poco prezzo o chiamate un amico che abita a Londra e andate a questa fiera armati di roba da farvi firmare. Vi posso assicurare che tornerete felici come poche volte in vita vostra.

Il terzo pensiero è completamente dedicato al mondo cosplayer: amo questo colorato mondo ma imparare dagli inglesi a vivere

Un Thor... alternativo
Un Thor… alternativo

la cosa in maniera molto più soft sarebbe cosa giusta. Cosplayer bravissimi e bruttissimi, vicini al trash, che ridevano, scherzavano e che si facevano complimenti senza alcuna tensione o invidia o qualsiasi tipo di faida. A questo aggiungete l’enorme varietà di costumi e temi proposti e avrete un quadro molto diverso dalle fiere e dalle gare italiane dove vediamo ondate di Deadpool, avatar di League of Legends, Harley Quinn e personaggi presi da One Piece! E soprattutto trovare una bellissima ragazza vestita con l’ ultima versione di Magik farsi la foto con Humberto Ramos e farsi dare dei consigli per il vestito è stata una scena dal sapore epico.

E per Cup of Pino, come finisce questo SLCC ? Finisce con la consapevolezza che il settore è bello, divertente, complesso ma stimolante… e finisce pure con la consapevolezza di dover ringraziare Project Nerd per avere voluto credere in me per questo viaggio!

Fanpage Facebook della Cup of Pino.

 

>
 << Parte 2
Iarin Fabbri

Iarin Fabbri

Spadin (alias Iarin Fabbri) è uno dei fondatori di Project Nerd. E' socio fondatore di Webbare.it che è l'azienda che si occupa di tutto lo sviluppo software e montaggi video e grafica per Project Nerd. Spadin è esperto di retrogaming e comics, più che esperto, possiamo definirlo memoria storica, e si tiene informato sulle serie tv e i cine-comics