Evolution Studios trova casa nella concorrenza: Codemasters

989 0

E’ quasi surreale scrivere questa notizia poiché non è assolutamente qualcosa di poco conto. Evolution Studios è in realtà uno studios storico di Sony Computer Entertainment e in ogni caso è stato l’unico team a esser stato capace di mettere i bastoni tra le ruote a Codemasters, publisher e software house dedicata allo sviluppo di prodotti videoludici dedicati al motorsport.

La carriera di Evolution inizia a prendere davvero forma nel 2001, anno in cui Sony chiederà al team britannico di creare un videogioco dedicato al mondo del Rally totalmente sotto licenza WRC: WRC per l’appunto. I titoli prodotti risultano essere un ottimo compromesso tra livello tecnico (pur sempre straordinario per l’epoca) e simulazione, ma vennero presto soppiantati dalle produzioni Codemasters, negli stessi anni dediti allo sviluppo di Colin McRae Rally, serie che diede la mazzata finale a WRC di Evolution dapprima con Colin McRae Rally 2005 e successivamente con DIRT.

247605-2

Sony cercò in tutti i modi di minare lo stradominio di Codemasters quasi imponendo a Evolution Studios la creazione di una nuova IP che potesse sfruttare appieno le potenzialità di Playstation 3. Quel nuovo gioco si sarebbe chiamato Motorstorm il quale risultò piuttosto gradevole a livello grafico, ma incapace di proporre un gameplay innovativo anche a causa di vecchi impianti stilistici di gioco, come menù di vecchia generazione, l’assenza del multiplayer online e soprattutto peccaminoso di caricamenti infiniti.

DIRT 2 nel frattempo vola e assieme a GRID Codemasters riesce a confermare la sua posizione di regina del motorsport videoludico. Sony tuttavia non sembra incentivare al meglio le potenzialità di Evolution e nel 2012 li mette allo sviluppo di Driveclub, videogioco che alla pari di Motorstorm doveva provare la potenza di calcolo di Ps4 e le sue nuove possibilità di gameplay. Ma anche in questo caso non riuscì a raggiungere il suo obiettivo, anche forse a causa di una gestione frettolosa dell’intero progetto. Così, quasi furibonda, Sony chiude gli studios britannici il 22 Marzo 2016 anche se ironicamente nello stesso periodo Codemasters si trovava in grave difficoltà: forse il solo fatto di non aver competitori ha letteralmente permesso ai Codies di dormire sugli allori con gravi ripercussioni sulle finanze della società di Rod Cousens (CEO di Codemasters).

driveclub-010615-3

Ironicamente, nonostante gli anni a battersela sulle fantastiche strade sterrate del mondiale di Rally, Codemasters ha chiamato proprio i ragazzi facente parte dell’ormai Ex Evolution Studios per creare un nuovo progetto all’interno di Codemasters stessa. Alla fine erano stati gli unici a tenere testa ai Codies: sarebbe stato davvero uno spreco non dargli un’ ultima possibilità.

Il nuovo progetto è al momento segreto, ma tutti attendono un grande ritorno sulla scena di Codemasters stessa. DIRT Showdown e GRID 2/Motorsport non sono riusciti a fare breccia nel cuore dei più appassionati (anche perché erano giochi che nessuno voleva), mentre DIRT Rally, inizialmente esclusiva Pc sviluppata da un piccolo gruppo quasi amatoriale interno a Codemasters, è diventato un gioco fantastico, il miglior videogioco dedicato alla guida rally sportiva da 10 anni a questa parte.

Dare fiducia in questo senso non costa nulla e io spero in qualcosa di davvero sostanzioso: sono curioso di vedere che cosa potrà esprimere Evolution Studios all’interno del suo più acerrimo avversario.

Marco Masotina

Marco Masotina

Tosto come un Krogan, gli piace essere graffiante e provocante per scoprire cosa il lettore pensa dei suoi strani pensieri da filosofo videoludico. Adora i lupi, gli eventi atmosferici estremi, il romanticismo e Napoleone.