Requisiti minimi Battlefield V svelati: troppo alti? Niente paura I dati divulgati da DICE hanno messo in allerta moltissimi videogiocatori. Ma niente paura: Battlefield V sarà sicuramente ben ottimizzato

8789 0

Nelle scorse ore, DICE ha divulgato in rete quelli che saranno i requisiti minimi di sistema per garantire un’esperienza positiva con il prossimo arrivato della serie Battlefield: Battlefield V. Il nuovo capitolo, la cui lettera “V” identifica il nome “Victory“, vanterà di un impianto grafico di altissimo livello tant’è che sono già in molti a pensare che questo “quinto” capitolo si rivelerà essere un vero e proprio Benchmark Game alla pari di Battlefield 3 e Crysis.

Di seguito i requisiti minimi consigliati da DICE:

  • OS: Windows 7 64-bit
  • CPU: Intel Core i5-6600K 3.5GHz or AMD FX-6350 3.9 GHz
  • RAM: 8 GB System Memory
  • GPU RAM: 2 GB Video Memory
  • GPU: GeForce GTX 660 or Radeon HD 7850 2GB
  • HDD: 50GB Available Hard Drive Space
  • API: DirectX 11

 

requisiti minimi battlefield v battlefield nvidia

 

A primo acchito potreste pensare che tali requisiti imporranno a molti utenti Pc di aggiornare il proprio hardware. Il fatto è che se per garantire un’esperienza ottimale serve minimo un i5 Skylake, viene facile pensare a come spinto a settaggi Ultra, Battlefield V possa richiedere addirittura un i7 Coffee Lake magari accoppiato a una bella GTX 980ti. Un pensiero lecito, ma irreale. Sono infatti tanti i fattori da prendere in considerazione.

Innanzitutto, quando si inizia a tratta di videogiochi “System Seller” come Battlefield V, i requisiti minimi vengono spesso pompati come frutto di accordi commerciali scritti con case di hardware che, mediante questa operazione, possono sperare di convincere più giocatori a rinnovare il proprio hardware (anche se non necessario). In secondo luogo vi è la questione legale: descrivendo un hardware ben più potente di quello necessario per la corretta fruizione del gioco, evita problemi legali da persone scontente che, magari, leggendo una lista di requisiti più modesta, potrebbero non essere soddisfatti delle prestazioni forse più carenti.

Nel caso specifico di Battlefield V, credo che sia un mix di entrambe le situazioni. Da una parte i produttori di hardware sanno benissimo che Battlefield V probabilmente convincerà molti giocatori a rinnovare molto hardware, dall’altra non si vuole rischiare di comunicare requisiti troppo bassi. A riprova di questo ho confrontato i requisiti minimi di Battlefield V con i requisiti minimi di Battlefield 1, scoprendo che non vi sono affatto differenze tra i due giochi:

Questo cosa vuol dire? Considerando che Battlefield 1 riesce a girare su hardware ben più modesto di quello consigliato nei requisiti minimi, è molto probabile che Battlefield V, che utilizza la stessa versione del fantastico motore grafico Frostbite, riuscirà a girare senza problemi anche su macchine da gioco più modeste e meno recenti. Certamente per goderselo al massimo si dovrà necessariamente possedere un Gaming Rig ad alte prestazioni, considerando anche la partnership che DICE ha stretto con Nvidia. Tale partnership infatti, porterà inevitabilmente la tanto discussa suite “Nvidia Gameworks” all’interno del codice sorgente di BF V. Positivo? Speriamo di si: Gameworks ha spesso ottenuto feedback negativi, ma questa volta sembra diverso. Concludendo, vi riporto la dichiarazione di Nvidia in merito alla collaborazione stretta con DICE:

Come piattaforma PC, stiamo aiutando il team di sviluppo di Battlefield V a creare l’esperienza definitiva per PC. Gli ingegneri di NVIDIA stanno lavorando con gli sviluppatori di Battlefield V per portare i migliori aspetti della piattaforma di gioco GeForce ai giocatori PC, il che significa che GeForce Experience fornirà driver Game Ready, impostazioni ottimali e altre funzionalità della piattaforma NVIDIA per Battlefield V

 

 

 

Marco Masotina

Marco Masotina

Tosto come un Krogan, gli piace essere graffiante e provocante per scoprire cosa il lettore pensa dei suoi strani pensieri da filosofo videoludico. Adora i lupi, gli eventi atmosferici estremi, il romanticismo e Napoleone.