Kevin Feige Projectnerd.it

Kevin Feige parla del possibile futuro multiculturale del MCU il presidente degli studios spiega come i recenti successi di film come Black Panther abbiano aperto la strada ad un mondo nuovo per il cinecomics

4671 0

Il successo di Black Panther e di Wonder Woman ha dimostrato come sia possibile aprire ulteriormente il mercato dei cinecomics nei confronti di categorie nuove e più variegate, in grado di consentire agli studios di comprendere nei loro calcoli futuri personaggi su cui prima avevano diverse remore, ma che ora vengono visti negli uffici Disney e Warner Bros. come possibili fonti di guadagno. A confermare questo troviamo le parole del presidente dei Marvel Studios, Kevin Feige, che in una recente intervista ha voluto parlare proprio dell’argomento, soffermandosi su come in futuro potremmo imparare a conoscere nuovi eroi appartenente ad un universo comics molto più culturalmente aperto come ad esempio Kamala Khan, Miler Morales e America Chavez :

Si tratta di un percorso che avremmo intrapreso comunque, perché si tratta di fantastiche storie di fumetti. Il successo di Black Panther, come un sacco di cose nella storia dei Marvel Studios, ci ha incoraggiato a continuare a farlo e soprattutto a proseguire su questa strada. Stiamo portando il tutto a un buon livello, che non fa altro che delineare maggiormente i film di genere. Ecco quello che amo dei film di genere: con i film di fantascienza racconti delle storie reali. Quando presenti una buona storia di fantascienza, che abbia a che fare con razze aliene o guerre, al tempo stesso parli anche della società contemporanea. Parli davvero delle persone, cosa che personalmente adoro. È qualcosa di divertente da guardare sullo schermo, perché è questo quello che voglio vedere solitamente quando vado al cinema: avere anche un messaggio insieme al puro intrattenimento. Empatia è una grande parola e Ryan Coogler è solito dire qualcosa di fantastico quando le persone gli chiedono, “le persone che non sono di colore potranno guardare questo film?”, rispondendo “Sì, ho visto persone bianche per tanto tempo e sono riuscito a connettermi con loro“.

L’uomo dietro le quinte dell’universo cinematografico Marvel ha poi voluto spiegare come secondo lui film come Black Panther, Ant-Man and The Wasp e l’atteso Captain Marvel siano fonte d’ispirazione:

Penso che Black Panther sia una dimostrazione, così come Ant-Man and The Wasp e spero sarà anche il caso di Captain Marvel. Vedere Captain Marvel volare, usare i poteri – vieni ispirato. Mi siedo e improvvisamente mi sento più eroico quando la vedo fare queste cose. E penso che questo sia ciò che lega gli spettatori e il film.

Fra le possibili novità che il futuro del MCU ci potrebbe riservare è da ricordare l’affermazione fatta dallo stesso Feige non più di qualche giorno fa, nella quale accennava all’attuale, e futura, presenza di personaggi LGBTQ all’interno del roster di personaggi Marvel che vedremo al cinema, magari riferendosi proprio alla sessualità della futura Captain Marvel oppure a Valchiria ( che nei fumetti è apertamente bisex).

Voi cosa ne pensate ?

 

 

Marcello Portolan

Uno strano mix genetico sperimentale allevato a fumetti & fantascienza classica, plasmato dal mondo dell'informatica e della tecnologia, ma con la passione per la scrittura. Un ghiottone che adora esplorare il mondo in cerca di Serie TV e pellicole da guardare noncurante dei pericoli del Trash e dello splatter. un vero e proprio globetrotter del mondo NERD