’68 #2 – La recensione Il secondo numero della nuova edizione mensile di ‘68, l’acclamata serie di culto che racconta un anno cruciale della storia recente e la guerra del Vietnam reinventate dalla furia dei non-morti.

5125 0

Il tenente Blake, Bronto, Cerotto, Borbotto, Bonnie, il capitano Duncan, Doc, Yam, Nerone e i soldati della Base Aries, oltre a tutti gli altri personaggi che entreranno a far parte del cast devono fare i conti con un nemico imprevedibile e non contemplato, che accomuna il loro destino e quello del nemico: famelici cadaveri che tornano in vita, che non riconoscono più gli schieramenti e che hanno come unico scopo quello di divorare i vivi. E non importa più che siano esseri umani vivi che appartengono al proprio schieramento o a quello avversario. La morte non rispetta nessuno, prevale su tutto, anche sulle manifestazioni pacifiste.

Declan Rule e Yam sono alle prese con due missioni rischiose, ma peggio di loro stanno gli alti ranghi dell’esercito, a cui tocca raccontare alle truppe che i morti stanno tornando in vita. E la cosa ancora più spaventosa è che la stessa cosa sembra che stia accadendo anche negli USA.

Corri nella giungla” è la prima storia che compone il numero di questo mese è presenta un nuovo personaggio ovvero l’agente della CIA Declan Rule arrivato in Cambogia sotto copertura nei panni di un produttore televisivo. Dopo poche pagine vediamo l’agente CIA “requisire” un mezzo aereo delle Nazioni Unite per avvicinarsi alla base americana Aries. Quale sarà la sua vera missione? Cosa starà cercando?

La scena si sposta quasi subito su due protagonisti di ’68 ovvero il soldato Yam e il suo cane Nerone che, già nello scorso numero, sono alle prese con i morti viventi. Una prima storia molto solida che inizia a delineare meglio la problematica zombie in particolare alcuni soldati iniziano ad essere più consapevoli di questa situazione.

Sotto un cielo blu di periferia” in questa seconda e ultima parte abbiamo una “doppia narrazione” perchè da un lato abbiamo qualche tavola in cui viene mostrata ancora la base Aries ma dall’altra parte abbiamo la parte più consistente e interessante della storia che è ambientata in California. Questa seconda parte è una vera sorpresa perchè vedremo da un lato la situazione sociale-politica del tempo (Hippy e anti-americani sono i protagonisti) mentre dall’altro lato vediamo come il virus sia arrivato anche negli States ma, come nei più classici zombie movies, nessuno sta capendo ancora cosa stia succedendo.

Insomma questo secondo volume mette parecchia carne al fuoco e si rivela davvero azzeccato. Anche questa volta possiamo confermare come il formato “ridotto” proposto da Saldapress risulti perfetto per questa serie creando l’atmosfera e i toni tipici della serie tv.

 

 

 

 

Andrea Patruno

Andrea Patruno

Nerd certificato dal 1991, ha imparato a leggere con Topolino e romanzi storici. Tutt'ora divora libri, fumetti, film e serie TV. Laureato in comunicazione e marketing, con specialistica successiva in comunicazione, con una tesi dal titolo "Nuovi media e comics nella multicanalitá: la modernità semantica emergente del fumetto".