Avengers: Endgame – Anthony Mackie racconta come ha scoperto il suo futuro L'attore ha voluto parlare del significato che avrà il suo ruolo nel MCU nei prossimi capitoli

3385 0

ATTENZIONE Sono presenti grossi spoiler da Avengers:Endgame!

 

La fine di Avengers: Endgame ci mostra un anziano Steve Rogers effettuare un passaggio di consegne, donando quello che è stato il suo simbolo – lo scudo – al suo successore designato: Sam Wilson AkA Falcon. Un cambiamento che è destinato ad avere sicuramente un impatto importante sul futuro del MCU, magari già a partire dalla prossima serie Disney+ è che vedrà coinvolti i personaggi interpretati da Anthony Mackie e  Sebastian Stan. 

L’attore ha voluto rivelare come ha scoperto che sarebbe diventato il successore di Captain America:

“Non sapevo nemmeno che stesse succedendo, eravamo a casa di Chris e lui mi disse: “Sei eccitato?” e io risposi, ‘Di cosa stai parlando?’ e lui dice: “Aspetta, non lo sai?” ed io rispondo ‘Sapere cosa?’ allora lui si alza, corre fuori dalla stanza, ritorna con la sceneggiatura e dice “Leggilo!” e leggo la scena e sono tipo, ‘Woah!’. Abbiamo pianto, abbiamo bevuto, abbiamo riso, sono molto felice di aver avuto quel momento con Chris, perché non solo mi passava lo scudo, ma mi ha detto cosa stava succedendo nella sceneggiatura”.

Un passaggio di consegne completo, che vedrà quindi Mackie prendere il posto dell’attore Chris Evans all’interno del mondo cinecomics – anche se, l’interprete attuale potrebbe non aver ancora finito di raccontare la sua storia– dando vita ad un momento alquanto toccante che apre le porte a un sacco di novità.

In nuovo Cap\ Falcon ha poi voluto parlare di cosa significhi per lui diventare la nuova sentinella della libertà americana, un uomo afro-americano che eredita il simbolo della nazione: “Significa molto per i miei figli vedere Capitan America come un tizio di colore e questo significa molto anche per me” . “Quindi, grazie. Dopo il ciak ho pianto, e Chris ha pianto, e i Russo hanno pianto e tutti piangevano, è stato un giorno emozionante”. 

Marcello Portolan

Uno strano mix genetico sperimentale allevato a fumetti & fantascienza classica, plasmato dal mondo dell'informatica e della tecnologia, ma con la passione per la scrittura. Un ghiottone che adora esplorare il mondo in cerca di Serie TV e pellicole da guardare noncurante dei pericoli del Trash e dello splatter. un vero e proprio globetrotter del mondo NERD