Vedova Nera: I Marvel Studios a lezione da Star Wars? Imparare dagli errori di Solo per costruire un prequel ben fatto

3884 0

L’ultimo SDCC ha presentato al mondo i piani dei Marvel Studios guidati da Kevin Feige per la fase 4 del MCU, la prima ambientata dopo la battaglia finale con Thanos.

Fra le pellicole annunciate anche il tanto atteso film standalone dedicato al personaggio di Vedova Nera interpretata in questi anni dall’attrice Scarlett Johansson I fan delle pellicole ispirate dai fumetti Marvel però sapranno che il personaggio è attualmente dato per morto, dopo essersi sacrificato sul pianeta Vormir per permettere agli altri di ottenere la gemma dell’anima durante gli eventi di Endgame. L’annuncio di un titolo a lei dedicato non è però da leggere come un ritorno dall’oltretomba per la super-spia, il film infatti sarà ambientato nel passato e permetterà a noi spettatori di conoscere qualcosa di nuovo riguardo al suo background.

In qualche modo è possibile vedere in questa operazione qualcosa di simile a quanto la stessa Disney – proprietaria del mondo MCU – ha compiuto qualche tempo fa con uno dei protagonisti del franchise Star Wars, portando nelle sale Solo: A Star Wars Story.

Emilia Clarke is Qi’ra and Alden Ehrenreich is Han Solo in SOLO: A STAR WARS STORY.

La speranza dei fan è che proprio dall’esperienza pregressa, relativa a al franchise cult gli studios di Feige possano aver guardato per analizzare e annullare i possibili punti deboli del film dedicato a Natasha.

Le operazioni che ci portano a esplorare la storia passata di un personaggio che già conosciamo sono un terreno particolarmente ostico dove muoversi,  soprattutto se la trama è costretta a incastrarsi in un puzzle complesso di date ed eventi come quelli che caratterizzano le moderne saghe cinematografiche milionarie, dove gli spettatori analizzano ogni frame alla ricerca di incongruenze ed errori che possano minare la continuity dell’intero universo.

Oltre  a una questione di “archivio storico” le operazioni che guardano al passato del protagonista sono spesso difficili da realizzare anche dal punto di vista della scrittura. Non è semplice costruire una struttura narrativa che possa costruire una vera e propria evoluzione per il personaggio o costruire attorno a lei momenti di alta tensione , perchè lo spettatore è già a conoscenza – salvo colpi di scena encomiabili – di quello che succederà successivamente.

Prendendo in esame Solo, i fan che conoscono la storia sono a conoscenza del fatto che morirà per mano di suo figlio molti anni più tardi, come può la sceneggiatura costruire una potente scena in cui il protagonista sia credibilmente in pericolo?.

La bravura degli studios dovrà essere quella di riuscire a staccare Vedova Nera dal suo status di pellicola che racconta eventi passati, introducendo eventi, dinamiche o personaggi – da tenere d’occhio Yelena Belova interpretata da Florence Pugh – che potrebbero avere una certa rilevanza nel futuro dello spettatore all’interno del MCU. In questo modo Marvel eviterebbe tutta una serie di errori che hanno penalizzato e non poco il film di SW.

Non ci rimane che attendere per scoprire quello che il mondo MCU ha in programma per Black Widow, il film diretto da Cate Shortland in uscita nel 2020

Marcello Portolan

Uno strano mix genetico sperimentale allevato a fumetti & fantascienza classica, plasmato dal mondo dell'informatica e della tecnologia, ma con la passione per la scrittura. Un ghiottone che adora esplorare il mondo in cerca di Serie TV e pellicole da guardare noncurante dei pericoli del Trash e dello splatter. un vero e proprio globetrotter del mondo NERD