Playmobil The Movie – La recensione in anteprima

2666 0

Negli ultimi anni, la LEGO ha dimostrato di essere in grado di costruire (scusatemi il gioco di parole) sui suoi mattoncini un vero e proprio universo condiviso dove ambientare film animati e addirittura realizzare spin-off, un’operazione cinematografica pressoché impensabile fino a qualche anno fa.  Era quindi ovvio che eterni rivali – I Playmobil – prima o poi tentassero a loro volta uno sbarco nel mondo del cinema, puntualmente avvenuta con questo titolo.

Quando il fratello minore Charlie scompare inaspettatamente nell’universo magico e animato di PLAYMOBIL, Marla, sorella maggiore, totalmente impreparata, dovrà mettersi sulle sue tracce per riportarlo a casa. Partirà per un fantastico viaggio attraverso incredibili mondi, alleandosi con alcuni nuovi e improbabili amici: lo stravagante camionista Del, l’affascinante e carismatico agente segreto Rex Dasher, un fidato e strambo robot, una straordinaria fata madrina stravagante e molti altri. Marla e Charlie impareranno da questa avventura che la vita spesso ci mette davanti a delle prove importanti, ma che si può ottenere qualsiasi cosa quando credi in te stesso e se hai degli amici al tuo fianco!

Playmobil per il suo film decide di percorre una strada che possiamo definire “più semplice” rispetto ai rivali, trasformando i suoi protagonisti in carne e ossa in versioni giocattolo degli stessi

Peculiare, forse addirittura discutibile, l’incipit che permette all’avventura di svolgersi, 2 agenti di polizia che avvisano i bambini che i loro genitori sono morti, decisamente un po’ troppo forte per una pellicola che punta a un target giovane.
La pellicola scorre tranquilla, senza grosse sorprese o situazioni che faranno urlare wow oppure rimarranno impresse nella memoria degli spettatori, per non parlare dei momenti in cui l’accompagnatore adulto si accorgerà di come qualcosa non funzioni nella trama, dove gli sceneggiatori sembrano non volersi impegnare a seguire le loro stesse regole. Il regista – Lino DiSalvo – mette in scena una buona pellicola dal punto di vista dell’animazione, ma lontana dal sorprendere il pubblico. La pellicola scorre priva di possibilità di incappare in blocchi, semplice e diretta verso l’obbiettivo di intrattenere e mostrare i giocattoli nella loro bellezza, con l’intento di invogliare i bambini ad aggiungerli alla loro collezione .

Playmobil the movie sotto molti punti di vista perde la sfida contro gli eterni rivali, mentre questi ultimi hanno costruito un mondo per cercare di vendere i loro set tratti dal film, i rivali hanno costruito una pellicola per tentare di vendere i loro giocattoli e questo influenza molto l’intero titolo.
Senza voler essere particolarmente cattivi nei confronti di Playmobil the movie possiamo dire che probabilmente avrebbero potuto puntare a una diffusione diversa da quella cinematografica, giungere dritti nelle case dei bambini attraverso lo streaming, un canale che sicuramente sarebbe stato più adatto.

Marcello Portolan

Uno strano mix genetico sperimentale allevato a fumetti & fantascienza classica, plasmato dal mondo dell'informatica e della tecnologia, ma con la passione per la scrittura. Un ghiottone che adora esplorare il mondo in cerca di Serie TV e pellicole da guardare noncurante dei pericoli del Trash e dello splatter. un vero e proprio globetrotter del mondo NERD