The Purge : La recensione della seconda stagione La notte del giudizio torna su Amazon Prime Video, questa volta con qualche piccola differenza

1458 0

Il mondo de La notte del giudizio, o come si chiama in originale The Purge, è in continua espansione.  Forse proprio per questo motivo, quella che sembrava un’idea semplicissima è stata in grado di evolversi in un franchise decisamente variegato, con una serie TV su Amazon Prime Video giunta alla seconda stagione.

Questa nuova stagione si slega completamente dagli eventi e dai protagonisti della precedente e ci porta ad esplorare l’ennesimo nuovo territorio del mondo creato da James deMonaco, forse uno dei più interessanti, ovvero quello spazio che intercorre tra uno Sfogo e l’altro, 365 giorni di quella che fino ad oggi avevamo sempre preso come “normalità”, ma dove in realtà si nasconde il vero pericolo, dove nascono realmente gli eventi che esploderanno in quelle 12 ore di totale anarchia.

In questa stagione incontreremo Marcus Moore, un uomo che all’apparenza viveva una vita tranquilla e che, durante la notte dello sfogo scoprirà che il suo mondo non era perfetto come sembrava. Faremo conoscenza di Ben, uno studente costretto ad affrontare la mostruosità di questa notte, uscendo molto cambiato da quella situazione e per finire Ryan, che con la sua banda pianifica di anno in anno un colpo per sbancare il lunario. Il personaggio sicuramente più interessante, per via del suo background è però quello di Esme, che lavora per i Nuovi Padri Fondatori, nel centro di controllo, un occhio di sorveglianza quasi totale che vigila sui cittadini anche sulla notte più buia, controllando che le poche regole in vigore siano rispettate . Come spesso accade le loro vite sono destinate a incrociarsi durante lo sfogo annuale, tra grandi cospirazioni e piccoli eventi destinati a cambiare il loro modo di vedere la vita e lo sfogo.

La precedente stagione era riuscita a sfruttare il medium televisivo per trasporre in maniera perfettamente aderente lo stile delle pellicole, peccando forse di poca originalità. Questa nuova serie sopperisce al problema mostrandoci l’esatto opposto, l’altra faccia di questo mondo, questa scelta sicuramente riesce a catturare gli spettatori portandoli in mondo nuovo e inesplorato, muovendosi fra le maglie del franchise e rendendolo ancora una volta più solido, collegandosi con il passato attraverso un ritorno inaspettato (che non riveleremo).
Interessantissima l’idea di mostrarci il mondo oltre la sirena dello sfogo, farci vedere come le persone si preparino all’evento di anno in anno e come gli eventi di quelle 12 ore si trascinino nelle vite dei sopravvissuti, cambiandole radicalmente, trasformando una persona come il giovane Ben in un serial killer fuori controllo.

Se siete amanti delle pellicole cinematografiche de La notte del giudizio, la seconda stagione di The Purge ha tutto quello che vi serve per appassionarvi e catturarvi, non lasciatevela scappare.

 

Marcello Portolan

Uno strano mix genetico sperimentale allevato a fumetti & fantascienza classica, plasmato dal mondo dell'informatica e della tecnologia, ma con la passione per la scrittura. Un ghiottone che adora esplorare il mondo in cerca di Serie TV e pellicole da guardare noncurante dei pericoli del Trash e dello splatter. un vero e proprio globetrotter del mondo NERD