Into the night: La recensione della prima stagione

817 0

Arriva dal Belgio la nuova serie sci-fi di Netflix: Into The Night. Una serie apocalittica creata da Jason George, dove un gruppo di sconosciuti è costretto dalle circostanze a collaborare e tentare tutto pur di capire la situazione e sopravvivere.

La situazione vede un misterioso uomo armato salire a bordo di un volo notturno Bruxelles-Mosca e costringere l’aereo a decollare, con soltanto pochi passeggeri a bordo. Il motivo presto rivelato è che, il sole uccide ogni essere vivente ed è quindi fondamentale che loro non siano lì quando l’alba sorgerà oppure finiranno per morire come già successo in molti altri paesi. Ecco quindi che la compagnia improvvisata si trova a volare verso Ovest, nel tentativo di sopravvivere alla catastrofe e a loro stessi .

 

6 episodi da 40 minuti sono la formula scelta da Into the night per tenere l’adrenalina quanto più possibile alta, cercando di coinvolgere lo spettatore in una visione binge watching che gli permetta di godere a pieno di questo ritmo narrativo. Ogni episodio ci mostra qualcosa di più sul passato di uno dei personaggi, permettendoci di avvicinarci a loro e capire il loro modo di agire e pensare anche fuori da questa situazione inusuale. Un melting pot che vede personaggi di diverse etnie,estrazioni sociali, religioni, con una bussola morale non sempre chiara e definita e ricchi di misteri, ingredienti che, uniti all’aereo e al ricco utilizzo dei flashback, possono quasi richiamare lo stile di Lost, anche se qui si tratta di una serie totalmente diversa.

Se sotto certi aspetti la velocità è uno dei motivi per cui Into the night ci ha colpito in positivo, ma la stessa velocità è la motivazione dietro ad alcuni dei passaggi più deboli dello show, tenere alta la tensione ha spesso un costo a livello di sceneggiatura, uno scotto pagato sotto forma di alcuni passaggi forse un po’ troppo forzati e frettolosi così come situazioni risolte in maniera sbrigativa, visto che nonostante la breve durata accadono molte cose negli episodi.

Into the night si conclude con un finale che lascia aperte le porte a un possibile seguito che speriamo venga realizzato al più presto, una serie non priva di difetti, ma sicuramente con altrettanti pregi che merita una visione.

Per tutte le notizie sul mondo di Netflix seguite punto Netflix su Facebook
bannerpni

Marcello Portolan

Uno strano mix genetico sperimentale allevato a fumetti & fantascienza classica, plasmato dal mondo dell'informatica e della tecnologia, ma con la passione per la scrittura. Un ghiottone che adora esplorare il mondo in cerca di Serie TV e pellicole da guardare noncurante dei pericoli del Trash e dello splatter. un vero e proprio globetrotter del mondo NERD