Schindler's list recensione

Schindler’s List: recensione e curiosità In occasione del Giorno della Memoria vi presentimao la recensione del capolavoro di Spielberg

9203 0
Chiunque salva una vita salva il mondo intero.
Talmud babilonese

Schindler’s List è un film di Steven Spielberg del 1993 interpretato da Liam Neeson, Ben Kingsley e Ralph Fiennes.

Il film si basa sulla storia vera di Oskar Schindler, un imprenditore tedesco nazista che salvò la vita a più di mille ebrei dai campi di concentramento.

Schindler’s List: la recensione

Il film, fatta eccezione per le scene iniziali e finali, è inetaremente girato in bianco e nero. Questa scelta di stile da alla pellicola un sapore antico ma senza tempo. Inoltre l’unico particolare di colore (il cappottino rosso della bambina bionda) risalta e conferisce più drammaticità alle scena. Un colpo allo stomaco dello spettatore che incassa solo dopo la scena della riesumazione delle vittime.
Un capolavoro senza tempo che strizza l’occhio all’espressionismo tedesco degli anni 30 e al neorealizmo italinao degli anni 40. Poesia fatta cinema. Un uso della fotografia magistrale e una colonna sonora toccante dosata e equilibrata con le immagini del film. L’insieme di tutti questi fattori conferisce al film la giusta drammaticità, ammorbidisce le scene violente ma non gli toglie
Che dire del cast? Neeson magistrale nel far evolvere il suo personaggio da intraprendente impresario filonazista a eroe tedesco “salvatore di ebrei”. Il ruolo di Neeso è molto ben sorretto dalla spalla da un grande Kingsley. Fiennes terrorizante e glaciale, un personaggio ben lavorato e sfaccettato che contrapone la sua crudeltà con momenti di tranquillità. Insomma Göth interpretato da Fiennes è un personaggio che dà i brividi per la sua freddezza.
Questo film ricevette 12 nomination all’Oscar vincendone 7 (miglior film e miglior regia inclusi). Un successo non solo per la critica ma anche commerciale, infatti Shindler’s List è il film che consacra Spielberg come uno dei più grandi registi di Hollywood.

Shindler’s List: curiosità del film

Come si sa la produzione di un film non sempre sono perfette e anche questo film non è risparmiato dalle vicissitudini della produzione. Ecco alcune curiosità su il film Shindler’s List di Steven Spielberg.

  • Steven Spielgberg inizialmente doveva essere solo il produttore del film, infatti la regia del film venne offerta a Roman Polanski che rifiutò perché il film lo considerava “troppo personale”, dato che Polanski fu un ex deportato polacco.
  • I 2/5 del film furono girati con una telecamera palmare e il taglio documentaristico del film è stato scelto da regista per non spettacolarizzare il film.
  • Per il ruolo di Schindler si era pensato a Harrison Ford, Bruno Ganz, Mel Gibson e Kevin Costner.
  • Ralph Fiennes per interpretare il suo personaggio ingrassò tredici chili.
  • I produttori spinsero Spielberg a girare il film a colori ma il regista si rifiutò.
  • Il film vinse anche 3 Golden Globe (miglior film drammatico, miglior regia, miglior sceneggiatura).
  • Si può vedere in una scena la foto di Ana Frank in omaggio alla sua nota storia.
  • La persona che mette un fiore rosso sulla tomba el vero Schindler è lo stesso Liam Neeson
Andrea Castello

Andrea Castello

Forse il mio primo ricordo d'infanzia è giocare a PacMan per ore, il mio secondo ricordo sono le ore perse ad aspettare che il mio Commodore 64 caricasse un gioco, il terzo ricordo sono le ore consumate a vedere le VHS con i film registrati la sera prima fino a smagnetizzare il nastro. Sono appassionato di Arte, Musica e Video Games, recentemente entrato nel tunnel delle Serie Tv. Blogger, Scrittore e Sognatore recidivo.