Johnny Depp

Johnny Depp nei guai: i bodyguards rivelano dettagli privati Johnny Depp è stato recentemente accusato da alcune sue guardie del corpo per averle costrette a lavorare gratis e coprire il suo vizio con la droga.

8689 0

Già alle prese con battaglie legali da svariati milioni di dollari con i suoi ex manager e ex giuristi, Johnny Depp deve difendersi anche da due guardie del corpo che lo hanno servito in passato. Johnny Depp, come ricorda Deadline, nel 2016 ha cominciato ad avere comportamenti sempre più controversi. Ha poi iniziato a lavorare a Murder On The Orient Express ed è stato rimesso in vista con Animali Fantastici, ma la sua reputazione sembrava destinata a dover peggiorare. Eugene Arreola e Miguel Sanchez, suoi ex bodyguards, hanno dato un colpo forte a Johnny Depp con una causa legale, che lo accusa di non averli retribuiti e sopratutto di averli sottoposti a terribili condizioni di lavoro. Ciò che rischia di pagare le conseguenze, è ovviamente la vita privata di Johnny Depp, che si ritrova del tutto allo scoperto, come si nota nel documento dell’accusa.

All’inizio del 2016 i querelanti hanno iniziato a notare un netto cambiamento in Johnny Depp e nell’atmosfera attorno a lui. Johnny Depp ha iniziato a fare tagli improvvisi e drastici al suo personale e al suo team dirigenziale, causando una significativa crisi finanziaria per tutti coloro che lo circondano, ad eccezione di Depp stesso.

La causa continua, citando le conseguenze finanziarie pagate dai licenziati, ricalcando il linguaggio tipico di queste accuse. “Spesso i querelanti sono stati costretti a proteggere Johnny Depp da se stesso e dai suoi vizi mentre erano in pubblico, come nel caso di un incidente in una discoteca di Hollywood, dove gli ex bodyguards avvisavano Johnny Depp di essersi sporcato la faccia con sostanze stupefacenti, cercando di coprirlo e ripulirlo per evitare che fosse visto.

A causa dell’ambiente tossico e pericoloso e delle costanti violazioni del codice del lavoro da parte di Johnny Depp, i querelanti sono stati costretti a lasciare il loro impiego nonostante il fatto che godessero della frequentazione di molte delle persone con cui erano entrate in contatto. Dopo anni di felice lavoro per Johnny Depp e la sua famiglia, i miei clienti si sono trovati in situazioni non sicure e inaccettabili, da quando Edward White ha iniziato a gestire gli affari privati dell’attore. Come risultato del controllo e della cattiva gestione di White, Johnny Depp deve ai miei clienti interi salari non pagati.

Johnny Depp è pronto per andare in tribunale ad agosto contro i suoi ex dipendenti. La data è stata evitata a lungo a causa del frequente cambio di rappresentanti legali da parte di Johnny Depp, che deve prepararsi a sborsare almeno 25 milioni di dollari. Intanto il suo avvocato Adam Waldman non ha voluto commentare sulla vicenda, che più di ogni altra cosa evidenzia la precaria situazione finanziaria di Depp, che oltre a fronteggiare una commissione di reclami e pignoramenti non pagati dalla TMG, Depp è stato anche citato in giudizio dai suoi storici ex avvocati. In merito, l’attore dichiarò che secondo lui gli avvocati erano in combutta con TMG per derubarlo, dopo anni di servizio apparentemente leale.

Insomma, anche per Johnny, le cose vanno piuttosto male. Varrebbe la pena ricordargli che forse, il problema non è il problema, ma come lui si pone di fronte ad esso. Comprenderebbe?

Francesco Paolo Lepore

Francesco Paolo Lepore

Redattore presso PJN e CinemaTown, laureato in Nuove Tecnologie dell'Arte, studente di Social Media Marketing. Il cinema è una costante della sua vita. Ha scritto e diretto diversi progetti per le università e il territorio. Amante dei mass media, ne studia minuziosamente i meccanismi utili alla comunicazione emozionale. Scrive da sempre, osserva da sempre, ricorda tutto da sempre.