Modder di GTA V minacciato da Rockstar

1628 0

Quando nemmeno la gratuità ripaga..

Esistono software house che supportano e addirittura finanziano i modden come Valve e CD Project Red. Esistono software house che non supportano, per motivi legali, le mod dei giocatori, ma apprezzano gli sforzi della comunità per rendere migliore il titolo creato. E poi esistono dei veri pezzenti che fatturano quanto il PIL italiano che invece di ringraziare la florida comunità, ha deciso di minacciare un talentuoso modder invitandolo a chiudere qualsiasi progetto.

investigatore-privato
Che sia stata questa la scena che lo sfortunato modder si è ritrovato a far fronte?

 FiveM è un progetto che da tempo si prefigge l’obiettivo di offrire una esperienza multiplayer custom agli utenti di GTA V Online. In generale non vi è nulla di malevolo in tutto ciò: niente virus, niente hacker, tanto divertimento. Tuttavia, questa mattina due investigatori inviati da Rockstar games sono entrati in casa del fondatore del progetto intimando e obbligando l’ignaro modder di chiudere immediatamente il progetto:

Ho ricevuto la visita di due investigatori privati mandati da Take-Two Interactive per discutere di FiveM. I due agenti mi hanno passato qualcuno al telefono per discutere di come cessare le mie attività legate a Grand Theft Auto Online, senza inoltrarsi in un processo. Le persone in questione non vogliono trovare nessun accordo con me, semplicemente pretendono che io chiuda il mio progetto.

Secondo noi limitare il modding vuol dire comunicare l’intenzione di non favorire in alcun modo la fantasia dei giocatori. Come dire: se voi pagate accettate di stare alle nostre condizioni, perché ciò che vi abbiamo venduto non è vostro, ma dato in concessione.

Può sembrare strano, ma quando acquistiamo un videogames non diventiamo possessori del codice, bensì della licenza del suo utilizzo per scopo privato la quale ci può essere revocata in qualsiasi istante. In poche parole, il publisher di turno può arrivare in casa nostra e ritirarci la copia del nostro gioco acquistato, anche senza motivo. E’ così che funziona il capitalismo americano, ragazzi.

 

Noi di Project Nerd supportiamo le mod. I modder sono solitamente persone molto creative e talvolta si dimostrano anche migliori dei programmatori del titolo. Minacciare di andare per vie legali qualcuno che sta migliorando un gioco gratuitamente è davvero una follia e l’azione di Rockstar è secondo me davvero azzardata. Rifletterci sopra è cosa buona e giusta.

Marco Masotina

Marco Masotina

Tosto come un Krogan, gli piace essere graffiante e provocante per scoprire cosa il lettore pensa dei suoi strani pensieri da filosofo videoludico. Adora i lupi, gli eventi atmosferici estremi, il romanticismo e Napoleone.

There are 1 comments

  1. No comment.
    Moltissimi programmatori hanno iniziato con le mod… È come se la FIGC andasse nel campetto da calcio dietro casa a fr smettere di giocare a calcio ai bambini!!! È da ottusi. Mi hanno deluso tanto.

Comments are closed.