The House That Jack Built uscirà in sala il 15 novembre Il nuovo controverso film di Lars Von Trier approderà nelle sale italiane il 15 novembre.

3691 0

Il nuovo film di Lars Von Trier, il controverso The House That Jack Built, approderà nelle sale italiane il 15 novembre.

Il film è stato presentato all’ultimo Festival di Cannes, dove The House That Jack Built è stato presentato in anteprima mondiale. Il film ha per protagonisti Uma Thurman e Matt Dillon.

Leggi anche: The House That Jack Built: online il violentissimo trailer del film

The House That Jack Built segue le vicende di Jack (Matt Dillon), un killer intelligentissimo che ha commesso omicidi a Washington per dodici anni. Il regista ha annunciato che si tratta del film più brutale che abbia mai girato, tutto improntato sul concetto secondo cui “la vita è malvagia“.

In Italia il film sarà distribuito da Videa, mentre nei cinema statunitensi The House That Jack Built è distribuito da IFC Films.

Ecco il trailer ufficiale del film:

La pellicola ha avuto pesanti effetti sul regista, che ha affermato :

Mi sono sentito male durante le riprese di questo film. E non è colpa di nessuno – è colpa mia, ero solo pieno di ansie e alcool e così via. Quindi questo è il motivo per cui non posso davvero affrontare la realizzazione di un film, almeno non immediatamente.

Nel frattempo, Von Trier è al lavoro su un progetto intitolato Études. 

Recentemente sono state rilasciate anche alcune immagini ufficiali del film in uscita il 15 novembre.

The House That Jack Built segna l’importante ritorno del regista danese presso la croisette del Festival francese. Nel lontano 2011, in occasione della presentazione del suo Melancholia, von Trier sconvolse la sala stampa e le attrici accanto a lui (fra cui Kirsten Dunst, protagonista del film) con alcune dichiarazioni riguardo il nazismo e Hitler:

What can I say? I understand Hitler. He did some wrong things, absolutely, but I can see him sitting there in his bunker at the end … I sympathize with him, yes, a little bit” (“Cosa posso dire? Capisco Hitler. Ha fatto molte cose sbagliate, assolutamente, ma posso immaginarmelo seduto nel suo bunker, alla fine … mi immedesimo, sì, un po’”).

La provocazione, quando rinforzata successivamente con qualche scherzo sulla stessa tematica e accese polemiche riguardo la situazione in Israele (“è una rottura di scatole”), gli costò l’immediata espulsione dal Festival di Cannes. Melancholia, tuttavia, rimase in concorso per tutta la durata del festival.

Federica Cremonini

La sua passione per la settima arte comincia quando, da piccola, scopre una videocassetta di Nightmare nascosta su una mensola in casa. Trascorsi i primi anni di cinefilia ad approfondire l'horror (in ogni salsa), passa alla seconda fase tipica di ogni appassionato: Lynch, Kubrick, Tarantino. Dopo una terza fase fatta di nouvelle vague, cinema russo e New Hollywood, decide che è finalmente pronta a dare la risposta definitiva: il suo cuore appartiene a David Cronenberg.