God of War: i lavori sul sequel potrebbero essere già iniziati Ottime notizie per i fan dell'epica avventura di Kratos e Atreus

3778 0

Il franchise di God of War si è imposto nel corso degli anni come uno dei più apprezzati di sempre, portando alla ribalta il mitico personaggio di Kratos e la sua sete di vendetta contro gli dei dell’Olimpo. E il reboot uscito lo scorso anno su PlayStation 4 ha permesso sia ai fan storici sia ai neofiti di apprezzare un’epica avventura e di godere di un Kratos completamente diverso, consapevole dei suoi errori e pronto ad accudire il figlio Atreus.

Il titolo ha raggiunto un record incredibile per il suo genere, vendendo 3,1 milioni di copie nei primi tre giorni di rilascio e posizionando la saga nuovamente al top delle esclusive di casa Sony. Cory Barlog e i ragazzi di Santa Monica Studios non hanno ancora commentato in maniera ufficiale sulla possibilità di un sequel, ma gli indizi disseminati sul finale di gioco e soprattutto nella clamorosa scena post credits hanno trasformato quest’ipotesi in una realtà ormai certa.

Ma non è tutto, perchè nelle ultime ore gli utenti più svegli hanno notato come la nota software house abbia inserito nella sezione lavorativa del proprio sito ufficiale annunci rivolti a candidati che abbiano una vasta conoscenza del mondo di God of War e che sappiano tradurre in linguaggio videoludico sistemi di combattimento, meccaniche e nemici. Se come si suol dire due indizi fanno una prova, è altamente probabile che Santa Monica Studios si sia già messa in moto per la realizzazione dell’attesissimo sequel in vista di un possibile annuncio nel 2020 o 2021.

E quello che fa più pendere verso questa strada è la descrizione di un annuncio in particolare che richiede un candidato con forte esperienza a contatto con le console di nuova generazione. Considerando che la PlayStation 5 verrà annunciata con molta probabilità il prossimo anno, quale miglior reveal per stuzzicare l’appetito dei fan se non con il sequel del gioco dell’anno? Non ci resta che incrociare le dita e attendere con trepidazione.